Tragedia in Cile, muore in campo il 23enne Carlos Barra per un infarto

Tragedia in Cile durante un’amichevole tra il Palestino, militante in Serie A cilena, e il Deportes Maipo Quilicura, militante nella terza serie cilena, campionato professionale equivalente della nostra Lega Pro. Carlos Barra, giovane giocatore di 23 anni che, come raccontato dal tecnico Luis Saavedra avrebbe firmato la prossima settimana per il club dopo più di un mese d’allenamento. Dopo venti minuti del primo tempo Barra si è accasciato al suolo, inutili i tentativi di rianimarlo per quaranta minuti dei medici, il ragazzo è deceduto per un arresto cardiaco. “Assurdo, era giovane e sano. È stato con noi un paio di settimane, ha fatto tutti i test e gli esami di routine e aveva giocato anche il giorno prima senza presentare alcuna anomalia. Anzi, atleticamente era uno dei più dotati, tanto che avevamo deciso di offrirgli un contratto. I documenti erano pronti e avrebbe dovuto firmare entro pochi giorni”. “Studiava educazione fisica ed era sempre tra i migliori nei test atletici. Impossibile spiegarsi quanto accaduto” – le parole invece di Hermes Navarro, membro dello staff tecnico. Il 23enne era già entrato nel calcio professionistico, vantava già un’esperienza al Deportes Temuco, attualmente neo-promossa in Serie A.

Be the first to comment

Leave a Reply