Qualificazioni Euro 2016, la rivincita delle piccole – San Marino, Liechtenstein e Faer Oer

I giocatori sammarinesi che festeggiano
I giocatori sammarinesi che festeggiano

Un pareggio storico per la nazionale di calcio di San Marino che ieri ha fermato l’Estonia sul punteggio di 0-0 in casa. Fermata una striscia di cinquantanove sconfitte consecutive in competizioni ufficiali, primo punto in gare non amichevoli per La Serenissima. E pensare che la maggior parte dei giocatori non è professionista, c’è chi è studente, che ragioniere e chi banchiere, pochi sono quelli che hanno assaggiato il professionismo, tutti nelle serie minori italiane. La prima vittoria arrivò nel 2004 in amichevole contro il Liechtenstein, bastò un gol di Andy Selva davanti a 200 spettatori a Serravalle. Il capitano ieri ha giocato 83 minuti, scrivendo nuovamente il suo nome in una pagina storica del calcio sammarinese. Anche il piccolo principato di Liechtenstein che conta soli 36 mila abitanti ha raccolto un trionfo, contro la Moldavia fuori casa. Stavolta si tratta di tre punti, Frank Burgmeier è l’eroe della giornata. La bandiera della nazionale e del Vaduz, la squadra dove gioca nella serie cadetta svizzera, ha consentito con un suo gol di far volare i rossoblu a quattro punti in classifica, ottenuti grazie alla vittoria di ieri e al pareggio contro il Montenegro per 0-0, a soli due punti dalla Russia seconda classificata. Ma la sorpresa più grande è arrivata dalla Grecia dove le Isole Fær Øer hanno battuto la nazionale locale. La vittoria degli ellenici era data per scontata ma gli isolani guidati dal ct danese Olsen si sono imposti con uno 0-1 grazie alla rete di Edmundsson che ha portato anche all’esonero di Claudio Ranieri da parte della federazione calcistica greca. In passato aveva vestito la maglia del Newcastle senza mai scendere in campo in Premier League, gioca nell’HB Tórshavn ed è considerato uno dei migliori talenti faroese avendo ventitré anni. Non ce l’ha fatta Gibilterra che ha perso “soltanto” 4-0 in Germania, ko anche il Lussemburgo contro l’Ucraina. Oggi è il turno di Andorra e Malta alle quali spettano trasferte difficili, rispettivamente a Cipro e in Bulgaria. Le “piccole” vogliono continuare a stupire.