Quali sono stati (e sono ancora) gli stranieri nell’Athletic Bilbao?

Iñaki Williams
Iñaki Williams, spagnolo di origine ghanese-liberiana

L’Athletic Club, meglio noto in Europa come Athletic Bilbao, è il club spagnolo da sempre famoso per la sua politica di tesseramento di soli giocatori che siano baschi o aventi legami con la comunità autonoma spagnola degli Euskadi. Fondato nella maggiore città per popolazione dei Paesi Baschi nel 1898, i biancorossi (o Zurigorriak nella lingua locale), hanno da sempre vietato l’arrivo in squadra di calciatori stranieri, cosa che non accade invece nell’altra grande società basca, la Real Sociedad. Ieri, nella gara di Europa League contro il Torino, è andato a segno per la prima volta nella storia del club un giocatore di pelle scura, Iñaki Williams, nato a Bilbao da genitori ghanesi e liberiani ma cresciuto nel settore giovanile dei “Leoni”. Non è stato il primo giocatore di colore a vestire la maglia della compagine rojoblanca perché prima di lui la indossò Jonas Ramalho, difensore centrale anche lui nato e cresciuto basco ma di origine angolana. Ramalho ha disputato 13 partite con la formazione maggiore dell’Athletic Club, prima di passare nell’estate del 2014 in prestito al Girona.

Fernando Amorebieta contrasta Lionel Messi
Fernando Amorebieta contrasta Lionel Messi

Nel 2010 un sondaggio ai tifosi del club basco da parte della dirigenza circa la possibilità di ingaggiare giocatori totalmente stranieri, ha riscontrato un risultato nettamente negativo con più del 90% dei voti totali a sfavore. Il 52% dei votanti ha tuttavia aperto le porte ai calciatori di origine euskadi in un secondo sondaggio. Fernando Amorebieta, cresciuto nel vivaio dell’Athletic ma di nazionalità venezuelana, ha potuto giocare con i biancorossi grazie alle origini di suo padre. Bandiera del club per 8 anni, l’attuale difensore del Fulham ha collezionato 256 apparizioni con gli spagnoli militando anche nella selezione dei Paesi Baschi. È sicuramente lui lo straniero più rappresentativo della storia del club, anche perché non è che ce ne siano stati molti. Attualmente Aymeric Laporte è forse il giocatore più prezioso dei baschi nonostante non sia nato nella Penisola Iberica. Francese, è anch’egli però originario dei Paesi Baschi essendo nato nella regione di Iparralde, una zona francese ma di cultura basca. Per lo stesso motivo Bixente Lizarazu poté vestire maglia dell’Athletic Bilbao negli anni ’90 nonostante la nazionalità transalpina. In tempi più recenti, Javier Iturriaga, messicano ma anche lui di radici basche, indossò in quattro occasioni la casacca dei Lehoiak.