Nuovo record per Rivaldo, gioca insieme al figlio in una partita di campionato

MOGI GIRIM , BRASILE – Sembra non voler smettere di giocare, a 41 anni Rivaldo è uno dei pochi giocatori di movimento a essere ancora in attività, sempre nel professionismo. Ieri ha giocato insieme a suo figlio in una partita ufficiale del Campionato Paulista con la maglia del Mogi Mirim, squadra che lo ha acquistato quest’inverno. Rivaldinho, questo il nome di suo figlio, è un attaccante classe ’95, è nato quando il padre aveva 23 anni e militava al Palmeiras. È riuscito finalmente a coronare il suo sogno, giocando con il papà leggenda del calcio brasiliano, che dopo aver girato mezzo mondo, l’anno scorso è tornato in Brasile. Allo Stadio Papa Giovanni Paolo II è andata in atto la partita trai biancorossi e il Piracicaba, terminata con il punteggio di 1-1, gol di Elanardo per il Mogi su rigore e di Breitner, nel finale. Questa è stata la seconda partita di Rivaldo nella sua squadra, e allo stesso tempo è anche il presidente di essa. Al termine della partita ha rilasciato delle dichiarazioni, in piena emozione per l’accaduto:

Sono molto felice di aver giocato con mio figlio. Ringrazio Dio per un giorno così speciale nella mia vita. Grazie per quello che hai fatto e continui a fare nella mia vita.

Padre e figlio
Padre e figlio

UN FINALE DI CARRIERA “DI FUOCO” – Dopo aver lasciato il Milan a 32 anni, Rivaldo torna in Brasile per vestire la maglia del Cruzeiro. Sembrava che la sua carriera volgesse al termine, ma quello sarà solo l’inizio di una lunga cavalcata che lo ha portato in ogni angolo della Terra. Con gli attuali campioni di Brasile, disputa sette partite di Campionato Mineiro segnando anche due gol, in seguito torna in Europa, più precisamente in Grecia dove veste le maglie di Olympiakos e AEK Atene. Lì vince tre volte il campionato con “i rossi del Pireo” riuscendo a segnare 43 gol in circa 100 partite, venendo nominato “miglior calciatore straniero” della competizione. Ma nel 2008 la sua carriera prende una strada decisamente diversa, viene acquistato dal Bunyodkor, una squadra dell’Uzbekistan, che un anno dopo avrebbe ingaggiato l’attuale tecnico del Brasile, Felipe Scolari. I numeri parlano chiaro, 42 gol in 77 partite, nella seconda stagione Rivaldo riesce anche a mettere a segno 20 reti in 30 partite di O’zbekiston Profesional Futbol Ligasi. Tornerà in Brasile nel 2011 con il Mogi Mirim, non giocando neanche una partita. In patria veste anche la maglia del San Paolo prima di partire per l’Angola. Resterà in Africa per un anno giocando 21 partite di Girabola League e siglando 11 reti, peccato perché l’anno seguente la squadra avrebbe vinto il campionato e così il fenomeno brasiliano avrebbe alzato in cielo il quinto campionato diverso. Nel 2013 con il São Caetano gioca 19 partite segnando due gol. Quanto andrà avanti la sua carriera?

Visita il profilo di Paneecalcio.com su Pinterest. 

Be the first to comment

Leave a Reply