Mondiali U-17 – Spettacolo tra Francia e Paraguay, la Costa Rica ferma la Russia

Kim Wi Song
Kim Wi Song

SUDAFRICA-COREA DEL NORD – Sudafrica e Corea del Nord si fanno male a vicenda ed entrambe sono a un passo dall’eliminazione. Il pareggio non accontenta ambedue le formazioni, le quali dovranno compiere un’impresa nell’ultima giornata per sperare di passare il turno. Il problema è che gli avversari saranno tutt’altro che abbordabili, le due nazionali ferme a un punto dovranno infatti affrontare Belgio e Costa Rica, prime a pari merito. All’Estadio Municipal de Concepción Sudafrica e Corea del Nord pareggiano 1-1. A passare in vantaggio sono gli africani al decimo minuto su calcio di rigore. Luvuyo Mkatshana è atterrato in area di rigore da Kuk Hyon Ri, il quale commette un fallo da ultimo uomo e viene espulso all’arbitro ucraino Aranovskiy. Dagli undici metri si presenta Thendo Mukumela che trafigge la rete nordcoreana con una botta potente e angolata. Anche il pareggio degli asiatici arriva nel primo tempo e su penalty. Stavolta il fallo è di Katlego Mohamme, ammonito e quindi squalificato per la prossima partita (era diffidato). Mpoto intuisce l’angolo ma non riesce a parare la conclusione di Kim Wi Song, ben angolata. Nella ripresa la Corea del Nord sfiora in più occasioni la rete con Song-Hyok Choe, fantasista della selezione, e Kwang-Song Han, il quale colpisce una traversa da distanza ravvicinata. Il Sudafrica si fa vedere in avanti solo al novantesimo, grazie a un’azione personale del…portiere! Mpoto, man of the match per gli africani, esce palla a piede fino alla metà campo avversaria prima di passare il pallone. Una giocata che ha ricordato per certi versi le uscite del Loco Higuita. Tanto rammarico per i ragazzi allenati da Yon Kwang Mu, la vittoria sarebbe stato il risultato più giusto per la prestazione realizzata.

Nuova Zelanda-Siria

NUOVA ZELANDA-SIRIA – Finisce 0-0 senza grandi emozioni la gara tra Nuova Zelanda e Siria. Primo punto per entrambe le formazioni, perdenti al debutto contro Francia e Paraguay. Si allontana sempre di più il passaggio agli ottavi di finale, i neozelandesi e i siriani sono fermi a un punto e hanno dimostrato di essere nettamente inferiori rispetto ai loro avversari. Sembra spacciata la nazionale asiatica che giocherà l’ultima partita contro la Francia, la Nuova Zelanda ha qualche possibilità in più con il Paraguay ma si prospetta una partita difficilissima. Dopo tre minuti gli oceaniani hanno subito l’opportunità per indirizzare la gara a loro vantaggio. Fallo di mano di Alnadaf e calcio di rigore per la compagine in divisa nera. Dal dischetto va Connor Probert che però angola troppo il tiro e colpisce il palo. Nella prima frazione di gioco la Nuova Zelanda amministra bene la gara e sfiora il vantaggio in più occasioni, mentre nella ripresa è la Siria a essere più intraprendente. Rogerson sfiora il vantaggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Al Hallak va vicino alla rete con una conclusione dal limite dell’area che viene deviata in corner dal portiere avversario. Sempre nella ripresa, la Nuova Zelanda ha una chance importante per portare a casa i tre punti ma Imrie, da solo davanti all’estremo difensore siriano, si fa recuperare da un grande Loulou che si immola per salvare il risultato. L’ultimo acuto è firmato Shalha, il quale da due passi non riesce a battere di testa Woud, autore di una grande parata.

Francia U17

PARAGUAY-FRANCIA – Ne sono successe di tutti i colori in quel di Puerto Montt tra Paraguay e Francia, una delle partite più avvincenti della fase ai gironi del Mondiale U-17. Alla fine l’hanno spuntata i Galletti, vincitori per 3-4 contro i sudamericani. Grazie a questa vittoria la nazionale transalpina ha ottenuto la qualificazione, al Paraguay basta invece un punto contro la Nuova Zelanda (anche se perdendo potrebbe rientrare tra le quattro migliori terze). A dare il via alla girandola di gol è la stella della Francia Boutobba, uno dei pochi professionisti partecipanti al torneo. Grandissima giocata di Ikoné sulla fascia e assist perfetto per i piedi del marsigliese. Il raddoppio è un’altra opera di Nanitamo Ikoné, apparso in grande spolvero nella gara di ieri. Stavolta il passaggio decisivo è di Timothé Cognat, il quale calibra un cross perfetto per la testa del compagno. Il Paraguay accorcia le distanze su calcio di rigore, guadagnato da Ferreira. L’esecuzione del capitano Aranda è rabbiosa ma allo stesso tempo precisa e ben angolata. Nella ripresa l’Albirroja trova dopo dieci minuti il pareggio con Villalba, bravo a insaccare a porta vuota la respinta di Zidane su un tiro di Ferreira. Dura poco però la gioia dei sudamericani per il pari perché centoventi secondi dopo uno stacco imperioso di testa di Upamecano riporta avanti la Francia. Il difensore del Salisburgo prende l’ascensore e conclude a rete il calcio d’angolo battuto da Cognat. La grinta del Paraguay, come da tradizione, è però infinita. I ragazzi di Carlos Jara ristabiliscono la parità una manciata di minuti più tardi sviluppando una bella azione corale. Diaz illumina, Morel mette la palla in mezzo e Paredes la spinge in porta con un’incornata. Il tourbillon di emozioni è però infinito e al 71′ minuto Ikoné sigla il definitivo 3-4. Il parigino esplode il mancino dai 25 metri e, complice un’incertezza del portiere paraguayano Perrotta, decide la partita in favore della Francia.

Russia U17

RUSSIA-COSTA RICA – Termina uno a uno l’incontro tra la nazionale russa e quella costaricana. Entrambe le formazioni, in virtù di questo pareggio, sono a un passo dalla qualificazione (tre punti di distacco tra le prime due e le ultime), basterà non commettere grandi errori contro Sudafrica e Corea del Nord. All’Estadio Municipal de Concepción regna l’equilibrio, il pareggio è il risultato più giusto date le occasioni create da parte di ambedue le formazioni. Il primo guizzo è firmato Galanin, centrocampista russo che sporca subito i guantoni del portiere avversario con una botta dalla distanza. Tuttavia la prima grande occasione è della Costa Rica. Al 12′ minuto Tataev strattona Masis in area di rigore e l’arbitro cileno Tobar assegna la massima punizione. Dagli undici metri si presenta Ramírez che però vede respingere la sua conclusione dal portiere avversario Maksimenko, autore di una grande parata. Nella ripresa i centroamericani sfiorano nuovamente il vantaggio con Sequeira, il quale, dopo una triangolazione con Ramírez, calcia sopra la traversa da distanza ravvicinata. Questo duo si rende protagonista, a parti invertite, nel gol dell’1-0 dei Ticos. Sequeira realizza l’assist e l’attaccante piazza il pallone all’angolino.  La difesa costaricana dimostra però di non essere impeccabile se attaccata e la nazionale europea ne approfitta. In più il portiere Barrientos commette un grave errore in occasione dell’1-1: l’estremo difensore respinge centralmente un tiro di Lomovitskiy e Chalov non ha problemi a ribadire in rete il pallone. Nei minuti finali il subentrato Tsygankov va vicino al gol ma non riesce a centrare lo specchio della porta con una botta mancina dal limite dell’area.

Foto tratte dal sito fifa.com

Be the first to comment

Leave a Reply