Mondiali 2014, incredibile goleada della Germania sul Brasile, 1-7 dei tedeschi

Miro Klose
Miro Klose

Il calcio è strano ma nessuno avrebbe mai pronosticato questo risultato prima che si giocasse la finale. Altro che Maracanazo, sette gol dalla Germania sono tanti e il Brasile per la prima volta nella sua lunga storia calcistica entra nei grandi libri del calcio con un record negativo. Eguagliata la più grande sconfitta della storia del paese sudamericano, un 6-0 dall’Uruguay nel 1920. La Germania si diverte e ne fa sei, il Brasile di Scolari resta a guardare senza provare a reagire. Il vantaggio della squadra di Loew arriva dopo undici minuti con un tiro al volo di Müller su calcio d’angolo di Kroos, la seconda rete è frutto dell’immortale Miroslav Klose che diventa il più prolifico giocatore nella storia dei Mondiali con sedici reti strappando il primato a Ronaldo. Il terzo gol è firmato Kroos così come il quarto anche mentre nel quinto, sempre nel primo tempo, è Khedira a entrare nel tabellino dei marcatori grazie a un assist di Ozil. La Germania sa cosa deve fare quando ha la palla tra i piedi, in fase di finalizzazione è implacabile, mentre il Brasile è disordinato in difesa con David Luiz che soffre non poco l’assenza di Thiago Silva e spesso esce dall’area concedendo spazi enormi ai tedeschi. Nel secondo tempo i brasiliani tentano di trovare almeno il gol della bandiera, il quale arriverà al ’90 con Oscar, ma si scontrano con un eccezionale Neuer che tra i pali è una saracinesca. Entra Schurrle al posto di Klose e regala altre due reti alla Mannschaft, la prima al ’69, la seconda dieci minuti dopo. Fischi e lacrime per il Brasile che esce dal Mondiale a testa bassa sprecando per la seconda volta nella sua storia la possibilità di alzare la Coppa del Mondo in mezzo alla sua gente.

La disperazione di Oscar e Fred
La disperazione di Oscar e Fred

Be the first to comment

Leave a Reply