Mondiale U-17 – Francia tennistica, il Paraguay travolge la Siria

Bilal Boutobba
Bilal Boutobba

NUOVA ZELANDA-FRANCIA – Non poteva iniziare meglio la Francia campione d’Europa in carica. I galletti hanno asfaltato la malcapitata Nuova Zelanda, presa a pallonate per tutto il primo tempo e sconfitta 6-1. All’Estadio Regional de Chinquihue, davanti a poco più di 8000 spettatori, la nazionale francese passa il vantaggio al 15′ grazie all’autogol del neozelandese James McGarry. L’attaccante oceaniano, nel tentativo di anticipare Edouard, insacca il pallone nella propria porta spianando subito la strada ai transalpini. Bilal Boutobba si rende protagonista di una bella azione personale e al 32′ raddoppia il risultato. Nel quarto d’ora successivo la Francia dilaga e mette a segno ben tre gol. Maouassa si iscrive alla lista dei marcatori con una rasoiata mancina sul primo palo, poco dopo è il turno di Mamadou Doucoure, a segno con un colpo di testa su calcio d’angolo. Chiude le danze, per quanto riguarda il primo tempo, una botta da posizione defilata firmata Alec Georgen. Nella ripresa la Francia abbassa notevolmente il ritmo e ne approfittano gli avversari che realizzano le prime azioni della partita e trovano il gol della bandiera. L’autore della marcatura è McGarry, che ha provato a farsi perdonare dopo l’autogol. Da sottolineare la percussione di Logan Rogerson, il quale regala un pallone che il suo compagno deve solo concludere a rete. Tuttavia l’ultima parola è della Francia, in gol nei minuti di recupero con Edouard. L’attaccante di proprietà del PSG aveva cercato insistentemente la rete, è stato molto bravo a trafiggere la porta avversaria dopo aver messo a sedere la difesa neozelandese con una finta.

Kobamelo Kodisang e Luis Hernandez
Kobamelo Kodisang e Luis Hernandez

SUDAFRICA-COSTA RICA – Nettamente più equilibrata la gara tra Sudafrica e Costa Rica, terminata 1-2 per i centroamericani. Dopo sette minuti i Ticos sono già in vantaggio grazie alla rete di Kevin Masis, il quale appoggia in porta un assist perfetto di Andy Reyes. Quest’ultimo riceve il pallone al limite dell’area, alza la testa e serve il suo compagno, autore di un gol in scivolata a porta sguarnita. Lo stesso Reyes sfiora la rete nella ripresa sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il portiere sudafricano Mpoto se la cava però sventando in corner la minaccia. Una punizione dalla trequarti calciata da Dlala è il primo acuto del Sudafrica. Gli africani mostrano segnali di ripresa e sfiorano la rete in un’azione analoga a quella del primo gol costaricano. Mayo non riesce però a bucare la rete e calcia alto. Al 62′ il fischietto malese Yaacob assegna un calcio di rigore abbastanza dubbio alla Costa Rica per un presunto fallo di mano di Mohamme. Reyes è freddo dagli undici metri e raddoppia il risultato. I sudafricani riescono a trovare la rete nei minuti finali con Mayo, a segno di testa su cross di Reeve Frosler.

Russia-Corea del Nord

COREA DEL NORD-RUSSIA – Parte bene l’avventura della Russia nella Coppa del Mondo cilena. Gli europei in nottata si sono imposti per 2 a 0 contro la Corea del Nord, subito sotto dopo tre minuti di gioco. A sbloccare la gara è Ivan Galanin. Il giocatore di proprietà della Lokomotiv Mosca insacca l’assist di Dmitri Pletnev, il quale raccoglie il pallone dopo una respinta del portiere nordcoreano Chol-Song Ri su cross di Lomovicki. La partita è molto vivace, entrambe le squadre creano parecchie occasioni pericolose. Pochi minuti dopo il vantaggio, l’estremo difensore asiatico è chiamato al miracolo su una conclusione da distanza ravvicinata dello stesso Pletnev. Sempre nel primo tempo viene annullato un gol alla Corea del Nord per un fuorigioco millimetrico di Hyon-Ju Ryang. Il secondo tempo vede iniziare la Russia con il piede giusto. Prima Lomovicki centra il palo, poi Fedor Chalov timbra il cartellino al 52′. Il protagonista del gol è suo malgrado il portiere nordcoreano Ri, autore di un clamoroso liscio che spiana la strada al numero nove russo. Il numero uno diciassettenne si fa perdonare poco dopo quando compie una grande parata su una rasoiata di Prudnikov. Niente da fare per gli asiatici che non riescono neanche a trovare il gol della bandiera.

Paraguay U17

SIRIA-PARAGUAY – Imbarcata del Paraguay contro la Siria, battuta per 4 a 1. I sudamericani non hanno problemi ad annientare la selezione asiatica e si dimostrano molto cinici a tu per tu con il portiere avversario. Dopo una manciata di minuti Sergio Diaz vede annullarsi giustamente un gol per un fuorigioco segnalato dal guardalinee. Il vantaggio paraguayano non si fa attendere più di tanto e al 30′ è lo stesso Diaz a regalare un assist d’oro per la testa di Morel, il quale appoggia senza apparenti difficoltà il pallone in porta. Quattro minuti dopo Morel pennella un cross morbido per il piede di Villalba, che calcia al volo battendo un incolpevole Ghannam. Al 62′ accorcia le distanze la Siria con Al-Aji e si riaccendono le speranze degli asiatici. L’assist è di Aimn Akil, il giocatore siriano è bravo a concludere a rete spiazzando il portiere avversario. Tuttavia dura poco la gioia dei ragazzi di Al-Attar, nuovamente due gol sotto al 65′. Su passaggio di Villalba, Colman dribbla Ghannam e accompagna la palla in rete. Si unisce alla festa Carlos Ferreira, subentrato nella ripresa. L’attaccante paraguayano sfrutta gli ampi spazi concessi dagli avversari per siglare la sua prima rete nel torneo.

Be the first to comment

Leave a Reply