La linea “verde” della nazionale mauritana

La nazionale di calcio della Mauritania è una delle nazionali più in crescita. Pensate negli ultimi anni ha scalato un sacco di posizioni, più di 20, riuscendo a raggiungere il 150° posto nel Ranking FIFA. Qualche settimana fa ha compiuto l’impresa di battere la nazionale canadese, in un’amichevole in Spagna. In due partite contro il Canada, l’8 e il 10 settembre, gli africani hanno ottenuto uno 0-0 all’andata e un 1-0 al ritorno. A segno Adama Ba, il giovane più promettente tra tutti i mauritani. Adama Ba è una stella del calcio africano, classe ’93 gioca al Bastia, in Ligue 1 francese. Ha esordito in nazionale nello 0-0 dell’8 settembre, poi due giorni più tardi ha castigato i canadesi. Seconda punta, rapida, agile, tutte caratteristiche che lo fanno il più bravo giocatore mauritano attualmente. Ma non è l’unico giovane mauritano promettente. In attacco, oltre al veterano classe ’89 Dominque da Silva, in forza all’Al-Ahly, c’è anche il giovane Ismaël Diakité, che deve ancora compiere ventidue anni. Con il Canada sono stati convocati altri quattro giovani calciatori: Baba Aly Azmane, Demba Sow, Ahmed Ahmedou e Abdoulaye Sileye Gaye. Partiamo proprio da quest’ultimo, Sileye Gaye. Trequartista nato in Angola nel 1992, ha giocato all’ASAC Concorde, in Mauritania e all’FK Renova, in Macedonia. Attualmente è tornato in Angola, all’Aviaçao. Baba Azmane è un portiere, nato nel 1990 e attualmente tra le file dell’ASC Ksar, in patria. Demba Sow gioca in Francia (1993), al Le Havre, come difensore centrale. Ahmed Ahmedou, anche lui ventenne, milita in Inghilterra ai Three Bridges. In attacco c’è anche il classe ’90 Abdelaziz Sow, il suo coetaneo Abdoulaye Niass gioca in mezzo al campo. Sono veramente tanti gli U-23 nella nazionale mauritana. La vecchia guardia, Yoann Langlet, Moïse Kandé, Yacoub Fall, e altri, sono andati in “pensione”. Abdoul Ba è il futuro difensore centrale della nazionale magrebina. Diciannove anni, in forza al Lens, in Francia. Dimentichiamo Khassa Camara, centrocampista del Tours classe ’92, ma soprattutto Moctar Sidi El Hacen, il più giovane di tutti. El Hacen è nato il 31 dicembre 1997, ha ancora quindici anni ma già è stato convocato in nazionale. Questi sono i giovani della linea “verde” (anche il colore sociale della nazionale è il verde), pronta a scalare molte altre posizioni.

Adama Ba mostra orgoglioso la maglia della sua nazionale
Adama Ba mostra orgoglioso la maglia della sua nazionale

1 Commento

Leave a Reply