Karlo Lulic, il giovane numero dieci che vuole conquistare la Sampdoria

Karlo LulicOggi la Sampdoria ha ufficializzato un colpo di mercato non poco importante. Si tratta di Karlo Lulic, cercato in precedenza anche da altri grandi club europei come Liverpool, Borussia Dortmund, Roma e la croata Dinamo Zagabria, alla fine acquistato dal presidente Ferrero. Un acquisto importante in prospettiva futura, un tassello che in futuro potrebbe far appassionare i tifosi blu cerchiati. D’altronde la terra croata ha sempre sfornato grandi talenti negli ultimi tempi, Kovacic e Halilovic per fare degli esempi. Lulic è un classe ’96, è nato il 10 maggio a Nova Gradiška. Lo paragonano a Fabregas, è il numero dieci perfetto che gioca in mezzo al campo e detta i tempi di gioco. Arriva dall’Osijek, club con cui ha già esordito tra i professionisti. Centrocampista centrale dotato anche di un ottimo fiuto del gol, la sua prima squadra è stata la piccola NK Mladost Cernik, club che ha lasciato a quattordici anni per unirsi al vivaio dei biancocelesti. Inizialmente viene aggregato alla formazione U17, successivamente a soli 17 anni, il 26 maggio 2013 esordisce tra i “grandi” nella gara contro il Cibalia. Nello stesso mese partecipa all’Europeo con i suoi pari età e in tre partite riesce a conquistare tanti osservatori di molte squadre di vertice europee.

Karlo Lulic 3

Con la maglia a scacchi bianco e rossi, si fa tutta la trafila delle selezioni minori fino all’U18, squadra che ha lasciato da poco. Esordisce con l’U15 nel 2010, esplode con l’U17, andando a segno per la prima volta nella sua carriera con questa formazione. Quest’anno ha partecipato all’1. HNL, la massima serie croata, ed è sceso in campo 18 volte durante tutta l’annata, mettendo a segno quattro reti e un assist, proprio alla prima giornata contro il colosso Dinamo Zagabria. Alla seconda giornata ha trova il suo primo gol nella sconfitta casalinga contro la NK Lokomotiva, ripetendosi una settimana dopo. Ha concluso la stagione tornando con la primavera, collezionando la sua ultima partita con ormai la sua ex squadra alla ventiseiesima giornata.

Karlo Lulic 2

Tocco di palla sopraffino, ottimo dribbling ma soprattutto un grande visione di gioco che solo pochi giocatori hanno. Ha il numero dieci dietro le spalle da tempo, alla Samp non lo potrà avere, almeno in prima squadra, ma in primavera troverà tanti altri giocatori promettenti a cominciare dalla punta portoghese Martin Luther King Morais Simoes, dal nome un po’ curioso, che ha siglato una doppietta alla prima giornata di campionato. Lo hanno paragonato anche a Mateo Kovacic, centrocampista dell’Inter, ma rispetto al gioiello nerazzurro possiede un miglior tiro dalla distanza. Il suo ruolo lo deciderà Mihajlovic, ha giocato anche come ala o seconda punta, è molto duttile. Fisicamente molto possente e longilineo, è alto 186 cm e il suo piede naturale è il destro. In Croazia ha fatto le fortune della sua squadra, i tifosi liguri sperano che possa replicare le sue prestazioni anche con il club genovese. “Penso che il suo acquisto sia un segnale di programmazione della società. La Sampdoria deve avere in rosa 16-17 giocatori con 5-6 della Primavera aggregati e altri 5-6 giocatori da mandare in giro a crescere”, ha detto il tecnico serbo.

Be the first to comment

Leave a Reply