In giro per il mondo – Africa – Guinea

Lass Bangoura

Inizia una nuova serie simile alla precedente “Calcio nei paesi” la quale vi farà conoscere come si vive e si gioca il calcio nelle nazioni di tutti i continenti. Iniziamo con l’Africa, più precisamente con la Guinea. Si comincia con una breve introduzione geografica del paese, poi si passa alla nazionale maggiore, al campionato locale e ai principali personaggi del calcio nazionale.

DOVE SI TROVA?

Guinea

La Guinea in questi ultimi mesi è tristemente nota per l’epidemia di febbre emorragica di Ebola che finora ha provocato 648 morti totali e più di mille casi registrati. La superficie dello stato africano è di circa 245 chilometri quadrati (l’Italia ricopre circa 300 mila km²). È una repubblica semi-presidenziale, la popolazione è di circa dieci milioni di abitanti con una densità non proprio elevata, 44 ab./km². La religione più diffusa è l’Islam ma c’è anche un’importante presenza di cristiani e animisti. La capitale è Conakry (in passato la repubblica era nota come Guinea Conakry per distinguerla dalla Guinea-Bissau e dalla Guinea Equatoriale) la quale conta circa due milioni di abitanti contando anche l’agglomerato urbano. Le altre città importanti sono Nzérékoré, Kindia e Kankan, le quali non raggiungono il milione di abitanti se sommate le tre popolazioni. La quasi totalità dei giocatori ha le proprie origini nella capitale guineana.

In seguito sono elencate le città con i giocatori che sono nati in ciascuna di esse.

  • Conakry: Mohamed Yattara, Lass Bangoura, Idrissa Sylla, Ibrahima Conte, Sadio Diallo, Guy-Michel Landel, Issiaga Sylla, Kamil Zayatte, Naby-Moussa Yattara
  • Labé: Thierno Bah

NAZIONALE

FGF

La nazionale della Guinea è una delle più giovani d’Africa e ricca di talenti. I guineani hanno una vera e propria predisposizione per il calcio che si è sviluppata con l’avvento di nuove generazioni.  Basti pensare a gente come Kingsley Coman ma soprattutto Paul Pogba, entrambi di origine del paese ovest-africano. Paul Pogba ha due fratelli maggiori gemelli,  Mathias e Florentin i quali giocano per la nazionale guineana e non francese. Il primo milita attualmente tra le file del Pescara e il secondo è un tesserato del Saint-Étienne, club di massima divisione francese. La nazionale del paese vanta di un’età media di circa ventiquattro anni, l’esordio ufficiale della selezione africana si registrò nel dicembre del 1962 quando perse per 2-3 contro la Germania Est. La Syli Nationale, il soprannome della squadra, ha vinto tre Amilcar Cabral Cup, nel 1989, nel 1997 e nel 2007, i suoi unici trofei. Ciononostante gli africani hanno ottenuto un secondo posto nella Coppa delle Nazioni Africane del 1976, la cui ultima qualificazione risale al 2012. Recentemente ha saltato l’ultima edizione in Sudafrica. Dieci sono le partecipazioni alla coppa continentale, mentre non ha mai preso parte alla Coppa del Mondo. Attualmente la compagine panafricana occupa il 48° posto nella classifica mondiale, migliorato dalla recente vittoria per 2-1 contro il Togo. Il commissario tecnico è il transalpino Michel Dussuyer, in carica dal marzo scorso quando ha esordito con una vittoria contro l’Iran. Delle curiosità: la nazionale è stata spesso squalificata dalle competizioni continentali e mondiali a causa di vari disordini: nel 1963 fu squalificata dalla Coppa d’Africa a causa dell’incapacità di garantire arbitri neutrali nelle partite contro la Nigeria, nel 2002 per colpa della confusione che c’era tra i funzionari della federazione, il quale presidente è Salifou Camara, fu esclusa addirittura dalle competizioni intercontinentali

CAMPIONATO

Lo stemma dell'Horoya
Lo stemma dell’Horoya

L’anno prossimo il campionato guineano di prima divisione compierà cinquant’anni dalla fondazione, il Guinée Championnat National, l’equivalente guineana della Serie A italiana. Il calcio guineano ha raggiunto il suo apice negli anni ’70 quando l’Hafia, il club più titolato del paese, alzò al cielo per tre volte la Champions League africana. La prima edizione del campionato locale fu vinta dal Conakry I, oggi AS Kaloum Star, mentre Conakry II era il primo nome dell’Hafia. Si iniziò a registrare un vincitore del campionato diverso rispetto ai due club giù nominati solamente nel 1986, quando a trionfare fu l’Horoya. Fondati nel ’75, i biancorossi vantano dodici titoli nazionali, l’ultimo conquistato proprio l’anno scorso. Il club della capitale guineana, campione nell’ultima annata, sta dominando il campionato locale da svariati anni. L’involuzione dell’Hafia come club calcistico – ormai non partecipata nemmeno al torneo di massima serie, ha portato sempre più a un dominio dell’Horoya nelle competizioni nazionali. I giocatori principali del club allenato da Amara Traoré sono Kemoko Camara, il burkinabé Jean-Noel Lingani e il portiere senegalese Khadim N’Diaye, nel giro della sua nazionale. L’unica formazione a insidiare il predominio biancorosso negli ultimi anni è stato il Fello Star, club che ha sede a Labé. Un’altra importante squadra è l’Atletico de Coleah. Le compagini partecipanti al campionato sono dodici con una retrocessione e una promozione ogni anno. Lo stadio principale è lo Stadio 28 Settembre di Conakry, il quale conta circa 25 mila posti a sedere e che ospita le partite delle maggiori squadre di Conakry, le gare della nazionale e in alcune occasioni è anche luogo di funerali di persone importanti come Ahmed Sékou Touré e Lansana Conté, entrambi politici guineani.

GIOCATORI

Lass Bangoura
Lass Bangoura

Come già detto in precedenza la nazionale guineana può contare su una rosa molto giovane e ricca di talento. Il giocatore più conosciuto il Italia è l’esterno di difesa Kevin Constant, fino a qualche tempo fa al Milan, oggi un giocatore del Trabzonspor, nella massima divisione della Turchia. Il primatista di gol è Pascal Feindouno, attaccante che conta 25 reti con la Guinea – classe ’81, si è ritirato dalla nazionale nel 2012. Attualmente il capitano è Kamil Zayatte, ventinovenne difensore centrale dello Sheffield Wednesday, in Inghilterra. Cresciuto nel vivaio del Lens in Francia, ha totalizzato 45 gare con la propria nazionale. Il modulo adottato dal ct transalpino è un insolito 4-1-3-2. In porta spazio a Naby-Moussa Yattara, trentenne portiere dell’Arles Avignone, in Francia. In difesa i due terzini sono Baissama Sankoh e il giovane promettente classe ’94 Issiaga Sylla, tesserato del Tolosa. Al centro spazio a capitan Zayatte e Oumar Kalabane mentre a fare da guardia davanti alla difesa è Boubacar Fofana, mediano del Nacional, in prima serie portoghese. Trequarti con Ibrahima Traoré, ala del Borussia Moenchengladbach, e Ibrahima Conté, militante invece all’Anderlecht. In attacco per il duo offensivo ci sono tante opzioni: nella sconfitta contro l’Uganda sono stati utilizzati Seydouba Soumah e Idrissa Sylla, ma occhio anche al ventunenne del Lione Mohamed Yattara e al giovane promettente classe ’92 del Rayo Vallecano, Lass Bangoura.

Be the first to comment

Leave a Reply