Il colpo del giorno: Roman Bürki, dal Friburgo al Borussia Dortmund

Il Borussia Dortmund mette a segno uno dei primi colpi di mercato prelevando il portiere Roman Bürki dal Friburgo, squadra retrocessa in seconda serie tedesca, dalla quale è già partito Mehmedi, destinazione Leverkusen. Sarà il sostituto di Weidenfeller, l’estremo difensore campione del mondo con la Germania nel 2014 ha quasi 35 anni e il suo contratto è in scadenza nel 2016.

L’OPERAZIONE

Roman Bürki è un portiere giovane e di belle speranze che quest’anno ha giocato un buon campionato in Bundesliga. La durata del contratto e il prezzo del cartellino non sono stati comunicati, anche se il trasferimento dovrebbe essere avvenuto per una cifra fra i 3.5 e i 4.5 milioni di euro.

LA CARRIERA

Roman Bürki

Roman Bürki nasce a Münsingen, in Svizzera, il 14 novembre del 1990. Alto 187 cm, è un portiere molto agile e dotato di grandi riflessi. Inizia a giocare a calcio a livello giovanile con la squadra della sua città per poi trasferirsi allo Young Boys, club elvetico molto più blasonato. Gioca bene con la formazione U21 ma con la compagine di Berna colleziona soltanto sei partite, delle quali due in campionato. Inizia ad accumulare esperienza nelle parentesi in prestito al Thun e allo Sciaffusa, dove riesce a scendere in campo con più continuità rispetto alla squadra con cui è cresciuto. Nel 2011 viene ceduto a titolo temporaneo al Grasshoppers che, dopo due stagioni abbastanza convincenti in prestito, decide di acquistare il cartellino del giocatore per circa 600 mila euro. Gioca l’annata 2012/2013 da titolare e la conclude con la vittoria in Coppa di Svizzera, ai calci di rigore contro il Basilea. Si guadagna l’attenzione di club militanti nei maggiori campionati europei, anche grazie alle sue prestazioni con la nazionale svizzera U21. La sua esperienza con i bianco-blu termina alla fine dell’anno 2013-2014, in cui veste in alcune occasioni la fascia di capitano. Il Friburgo lo acquista in estate per poco meno di due milioni di euro e in Germania riconferma quel di buono fatto vedere in patria, tanto che il Borussia Dortmund sul suo sito ufficiale specifica: “È stato uno dei portieri più affidabili della Bundesliga in questa stagione”. Non è riuscito ad evitare la retrocessione del Friburgo ma si è distinto in positivo e ha convinto il Borussia ad affidargli il futuro della porta. Ha disputato due partite con la nazionale maggiore, una a novembre e una a marzo.

Be the first to comment

Leave a Reply