Il colpo del giorno: Geoffrey Kondogbia, dal Monaco all’Inter

Dopo una domenica priva di grandi trasferimenti, il lunedì, sotto il punto di vista del calciomercato, è stato bollente. Una giornata piena di colpi di mercato, dispiace non poterveli raccontare tutti. Partiamo dal più costoso: l’Inter ha ufficializzato l’arrivo del centrocampista Geoffrey Kondogbia, prelevato dal Monaco. Ma non è l’unico movimento importante. Due operazioni da venti milioni di euro sono state effettuate dall’Atletico Madrid che ha venduto Mandzukic alla Juventus e ha acquistato Luciano Vietto dal Villareal. Saluta l’Italia Javier Saviola, che lascia Verona dopo appena un anno per tornare in patria, al River Plate. In Inghilterra il portiere Stekelenburg passa al Southampton, il Burnley ha preso Lowton e il WBA ha comprato dal Wigan James McClean.

L’OPERAZIONE

Trenta milioni di euro più 7/8 di bonus, si sfiora quota 40 milioni. Questa la cifra che la dirigenza nerazzurra ha sborsato per acquistare Kondogbia. Oggi il centrocampista francese ha effettuato le visite mediche e ha firmato un contratto valido fino a giugno 2020. “Il mio benvenuto a Geoffrey! Vedere la gioia e l’entusiasmo dei tifosi è stato bellissimo” – ha scritto il presidente Thohir. “Mancini mi ha convinto, qui è un sogno. Non si dice no all’Inter” – ha invece dichiarato l’ex Monaco.

LA CARRIERA

Geoffrey Kondogbia

Scippato al Milan, forse pagato troppo. Si è presentato stamattina nella metropoli milanese, ha svolto le visite mediche di rito e ha posato con la sua nuova maglia, a tinte nerazzurre con il numero 7 stampato sulla schiena. Kondogbia è il secondo colpo estivo dell’Inter che si è già assicurata le prestazioni del colombiano Murillo. Reduce da una grande annata con il Monaco, è stato pagato tanti soldi (è il terzo acquisto più costoso della storia dell’Inter), il suo talento è indiscutibile. Le caratteristiche fisiche sono le stesse del suo connazionale Pogba, sfiora i 190 cm e fa della forza una delle sue migliori qualità. Piede mancino, può essere impiegato sia da mediano che da interno di centrocampo. Possiede un gran tiro dalla distanza, è molto bravo sia in fase difensiva che in quella offensiva. Kondogbia nasce a Nemours, in Francia, il 15 febbraio del 1993, da genitori originari della Repubblica Centrafricana. Cresce con i colori del Lens, squadra in cui ha militato per otto anni prima del suo passaggio al Siviglia per quattro milioni di euro. Debutta tra i professionisti nel novembre del 2010 facendo il suo ingresso in campo in una gara di Ligue 1 contro il Lione. Nella stagione 2010-2011 colleziona tre apparizioni, in quella seguente diventa un pilastro della compagine transalpina totalizzando 36 presenze tra Ligue 2 e coppa. A fine anno passa al Siviglia, in Spagna, dove si conferma ad alti livelli disputando un’intera stagione da titolare. È uno dei tanti colpi di una campagna acquisti straordinaria del Monaco nell’estate del 2013, si trasferisce nel Principato per 20 milioni di euro. Oltre a una grande stagione nella Penisola Iberica, a far crescere il suo valore c’è una vittoria nel Mondiale U20 con la Francia. Con i monegaschi ha giocato 64 gare in due annate, timbrando il cartellino in quattro occasioni. Quest’anno si è messo in mostra in Champions League, realizzando un gol contro l’Arsenal con un missile dalla distanza deviato leggermente da un giocatore londinese. Ora tocca a lui dimostrare di valere i soldi che l’Inter ha speso per portarlo nel Bel Paese. Serie A ed Europei con la Francia: Kondogbia non può permettersi di fallire.

Be the first to comment

Leave a Reply