Il colpo del giorno: André-Pierre Gignac, dal Marsiglia al Tigres

È il colpo più importante del giorno, oggi è arrivata l’ufficialità dopo che la notizia era nell’area da giorni. Gignac lascia la Francia per andare a vivere in Messico e giocare con il Tigres UANL, una scelta insolita che ha fatto molto discutere. Ma non è l’unico trasferimento rilevante avvenuto nella giornata di oggi: grande giornata di calciomercato in tutta il mondo. M’Bia, obiettivo dell’Inter, si è accasato al Trabzonspor, il Siviglia ha comunicato l’arrivo di Kakuta, l’Aston Villa ha ceduto Weimann al Derby County, il Villareal ha preso in prestito il portiere del PSG Areola, Cedric è un nuovo giocatore del Southampton, il paraguayano ex Dortmund Lucas Barrios ha lasciato l’Europa per tornare in Sud America, dove giocherà con i colori del Palmeiras.

L’OPERAZIONE

André-Pierre Gignac è arrivato al Tigres a parametro zero. Il suo contratto con il Marsiglia scadrà infatti il 30 giugno di quest’anno. Tante le squadre interessate al centravanti transalpino che però non ha voluto abbassare il suo ingaggio e ha trovato in Messico un club disposto ad offrirgli 4-5 milioni di euro di stipendio. L’annuncio è arrivato in mattinata con una nota del club messicano su Twitter, la quale specificava l’orario delle visite mediche dell’attaccante francese. “Incredibile l’accoglienza, grazie a tutta la città. Faremo grandi cose insieme” – ha dichiarato il nuovo acquisto dei Felinos.

LA CARRIERA

André-Pierre GignacAndré-Pierre Gignac nasce a Martigues, nell’estremo sud della Francia, il 5 dicembre del 1985. La sua famiglia ha il calcio nel sangue: è cugino infatti di Yohan Mollo e Jacques Abardonado, tutti e due calciatori professionisti con un passato all’Olympique Marsiglia. È una classica punta centrale, alta 187 cm e molto forte fisicamente. Il suo nome era finito sui taccuini dei più importanti club europei, in Italia è stato accostato a Inter e Lazio. Destro, forte fisicamente e molto abile nel gioco aereo. È un giocatore dotato di un grande fiuto del gol, non molto veloce ma letale in area di rigore. Debutta tra i professionisti con il Lorient il il 13 agosto 2004, in una partita di seconda serie francese. Fa il suo ingresso sull’1-1 a pochi minuti dalla fine e riesce a siglare il suo primo gol che regala la vittoria ai bretoni. La sua prima stagione tra i grandi lo vede scendere in campo quattordici volte e andare a segno in due occasioni. Nel 2005 viene ceduto in prestito al Pau, in terza divisione, per giocare con più continuità e accumulare esperienza. Segna otto gol nella parentesi nel Championnat National,. Tornato alla base nel 2006, mette a segno nove reti nell’annata seguente in Ligue 1, diventando uno dei pilastri dei “naselli”. Il Tolosa lo acquista così per 4,5 milioni di euro ma il suo primo anno con i bianco-malva è molto deludente. “Gigna-Gol” totalizza soltanto due marcature, nelle prime giornate del campionato. Tuttavia la stagione successiva lo vede protagonista di un grande campionato del Tolosa che si piazza quarto. Gignac è il capocannoniere del campionato con 24 reti, 26 totali contando anche le gare di coppa nazionale. Non è un flop e lo dimostra alla grande, nell’anno 2009-2010 entra nel tabellino dei marcatori altre dodici volte, mettendo in mostra le sue abilità anche in Europa League. Il Marsiglia lo acquista nell’estate del 2010 per 16 milioni di euro, in cinque anni con la compagine bianco-celeste diventa un vero e proprio trascinatore e idolo della tifoseria dell’Ohème. Il suo bottino recita 77 gol in 187 gare, nella stagione appena conclusa ha timbrato il cartellino 23 volte. Conta anche 21 presenze con la nazionale francese, arricchite da cinque marcature.

Be the first to comment

Leave a Reply