Il colpo del giorno: Adel Taarabt, dal QPR al Benfica

Il calciomercato è ormai iniziato, anche quest’estate si prospetta rovente sotto il punto di vista dei trasferimenti. Questa nuova serie di paneecalcio vi presenterà ogni ventiquattro ore l’acquisto più rilevante di ogni giorno. Si parte con una operazione di mercato che coinvolge un vecchio volto della Serie A italiana, Adel Taarabt, sei mesi al Milan nel 2014.

L’OPERAZIONE

Taarabt ha lasciato il QPR, con cui ha disputato una stagione non certo esaltante, e si è accasato al Benfica che lo ha prelevato dalla compagine inglese. Il suo contratto sarebbe scaduto tra un anno, il marocchino ha sottoscritto un contratto di cinque anni con la squadra portoghese. “Sono un giocatore d’attacco, che ama fare gol e fare assist. Trasferirmi a Lisbona è una grande occasione della mia carriera, ho chiesto consiglio al mio amico Julio Cesar, mi ha parlato solo bene del Benfica” – ha dichiarato il centrocampista ventiseienne.

CARRIERA

Adel Taarabt

Adel Taarabt nasce in Marocco il 24 maggio del 1989. La sua famiglia si trasferisce in Francia pochi mesi dopo la sua nascita e inizia a giocare a calcio proprio nel paese transalpino. A 17 anni debutta con i colori del Lens nella massima serie francese e si guadagna gli interessi di grandi club europei come il Tottenham che lo acquista in prestito nell’inverno del 2007. A fine stagione, nonostante Taarabt abbia collezionato solo due apparizioni in Premier League, la compagine inglese decide di riscattarlo sborsando 4 milioni di euro. Le sue prime stagioni con gli Spurs non sono esaltanti, non riesce mai a timbrare il cartellino e scende in campo solamente 15 volte in due anni. Nel marzo del 2009 passa al QPR con la formula del prestito breve e indossa la maglia degli Hoops anche l’annata seguente. Con la casacca bianco-blu riesce e siglare le prime reti da professionista e mette in mostra giocate da campione. Nell’agosto del 2010 diventa a tutti gli effetti un calciatore del QPR che lo paga circa un milione di euro dal Tottenham. IN cinque stagioni totalizzato più di 150 partite, condite da 34 gol e 44 assist. Il Milan lo prende in prestito nel gennaio del 2014 per cercare di risollevare le sorti della squadra rossonera, reduce da un brutto girone d’andata. Sotto la guida di Seedorf gioca 14 partite in Serie A e segna quattro gol. Tuttavia a fine anno la dirigenza milanista decide di non riscattarlo e torna alla base. L’ultima stagione è stata a dir poco disastrosa, solo tre gare da titolare in Premier League e QPR retrocesso. Ha delle qualità fuori dal comune ma quello che preoccupa è il suo stato fisico: negli ultimi tempi ha mostrato spesso qualche chilo di troppo, come evidenziato dallo stesso ex allenatore del QPR, Harry Redknapp. Centrocampista offensivo, seconda punta, ala: può ricoprire tutte le posizioni sulla trequarti. Piede destro, statura media e tanta tecnica. È dotato di un grande tiro da lontano e non è neanche lento. Dopo aver giocato con le rappresentative minori francesi, nel 2009 ha scelto di giocare con il Marocco, con cui ha messo a segno quattro reti in 17 partite. Se recupererà la condizione sarà davvero un grande colpo per le Águias.