Idoli delle nazionali: Ouwo Moussa Maâzou

È facile che un giocatore africano, il più forte della sua nazionale, è anche il giocatore più forte di sempre che ha vestito quella maglia. Forse non mi sono spiegato bene, ma la storia del Niger parla da sé. Un secolo di oscurità totale, considerata una delle squadre più deboli d’Africa, fino a quando finalmente nel 2012 si qualifica alla prima Coppa d’Africa della storia. L’impresa si ripete nel 2013 quando di nuovo partecipa al torneo continentale e finisce il girone ad un punto, il primo punto della storia, ottenuto contro la Repubblica Democratica del Congo. Ma il titolo non parla del calcio in Niger, ma del giocatore più rappresentativa, della bandiera di questa nazionale. È un attaccante classe 1988, nato a Niamey, la capitale nigerina, il 25 agosto. Basta con gli identikit, stiamo parlando di Ouwo Moussa Maâzou. Prima di parlarvi della sua carriera con il Niger, vi parlo della sua avventura nei club. Comincia la carriera a 14 anni nelle giovanili del Sahel SC in Niger per poi trasferirsi all’AS Douanes Lomé, in Togo. Ma la vera carriera da professionista la inizia in Niger, in una delle tante squadre di Niamey, l’A.S.F.A.N, a soli 17 anni è già protagonista. E bene sì, perché il centravanti nigerino viaggia ad una media di più di un gol ogni due partite: 48 gol ogni 79 partite. Ma l’avventura in Niger dell’attaccante dura solo 3 anni, poiché in seguito viene acquistato dal Lokeren in Belgacom Pro-League. Ed in Belgio dimostra, ancora ventenne di essere un giocatore completo. Con i bianco-giallo-neri segna 15 gol in 32 partite e la stagione seguente va nella fredda Russia, che non gli è molto benevola, ma il suo valore di mercato spicca a 4 milioni di euro. Comunque con il CSKA Mosca riesce a buttarla dentro 3 volte in 19 partite. Ma il club russo crede in lui e lo manda in prestito a varie squadre, Monaco, Bordeaux, ancora Monaco ed infine torna in Belgio allo Zulte-Waregem, ma in totale segna solo 6 gol in 39 partite. Ma Maâzou vuole vedere chiaro, ogni sei mesi deve cambiare squadra e non riesce a trovare continuità e solo nel 2012 viene acquistato dal Le Mans, in seconda divisione francese. Ma anche lì non trova continuità, arriva gioca 15 partite e segna 2 gol e va via. Maâzou ora gioca all’Étoile du Sahel, in Tunisia, e auguriamo a Maazou, che ha già segnato due gol, di trovare finalmente quella continuità che manca dai tempi del Lokeren. Ora passiamo alle sue partite con la nazionale. Quando è disponibile Maâzou gioca sempre, visto anche che gli altri validi attaccanti del Niger sono solo tre: il giovane ventenne Modibo Sidibé, l’anziano trentaseienne Alhassane Issofou e forse il giocatore ideale per far coppia con Maâzou, la punta Daouda Kamilou, Maâzou un attaccante di razza, 186 cm, Kamilou decisamente più piccolo, 170 cm. Comunque Maâzou non è il capitano della sua nazionale, ma ben presto lo sarà. È  a 26 partite, ha davanti a lui solo Lancina Konaté a 31 partite e il portiere Kassaly Daouda a 32. Con il Niger finora ha segnato 7 gol, ma l’unico gol in Coppa d’Africa della storia l’ha segnato William Tonji N’Gounou.

Ouwo Moussa Maazou Ouwo Moussa Maâzou con la maglia del Niger

mtinfootball.com

Be the first to comment

Leave a Reply