I volti nuovi della Serie A: Kalinic, Fernando e Pavlovic

Prosegue la rubrica che vi porta a conoscere i volti nuovi della Serie A 2015-2016. Oggi è il turno di Kalinic, Fernando e Pavlovic.

Croazia NIKOLA KALINIC

Kalinic

Via Gomez e dentro Kalinic, la Fiorentina spera di avere più fortuna con gli attaccanti. L’acquisto del centravanti croato andrà a rafforzare un reparto dove Paulo Sousa può contare anche su Rossi, Babacar e Bernardeschi. Pagato 5,5 milioni di euro dal Dnipro, il bomber di Salona è pronto a stupire la tifoseria viola: “Vedrete che tipo di giocatore sono durante le partite. Posso dire che darò il massimo, i miei giocatori preferiti sono Ibrahimovic e Drogba” – ha dichiarato al suo arrivo nel Belpaese. È un centravanti forte fisicamente, alto 187 cm e molto bravo nel proteggere il pallone. Freddo sotto porta e bravo nel gioco aereo, è un giocatore che ha il gol nel sangue. Ne ha messi a segno 19 nell’ultima stagione con i biancocelesti, dei quali uno nella finale di Europa League contro il Siviglia con un colpo di testa dopo sette minuti. È nato il 5 gennaio 1988 e ha debuttato tra i professionisti con l’Hajduk Spalato. In patria ha messo a segno caterve di reti, ha timbrato il cartellino 33 volte in 59 partite prima di fare le valigie destinazione Blackburn. In Inghilterra non è però riuscito a consacrarsi ad alti livelli, ha siglato solamente 13 reti in 56 incontri e nell’agosto del 2011 è passato per sei milioni di euro al Dnipro. In Ucraina il suo approccio è stato positivo, poi ha faticato un po’ fino alla scorsa annata in cui è tornato a segnare gol a raffica. Con la nazionale croata conta 20 gare condite da sei reti e ha partecipato agli Europei del 2008 e del 2012. Il suo obiettivo è partecipare anche alla spedizione francese tra un anno, prima però dovrà far bene con lo stemma viola sul petto.

Brasile FERNANDO

Fernando

È il principale colpo di mercato di Ferrero che ha cercato di trovare un valido sostituto di Obiang, ceduto al West Ham. Fernando è un centrocampista centrale completo, non molto alto ma forte fisicamente (175 cm per 80 kg). È bravo in fase di interdizione, sa rubare molti palloni ed è molto abile nei contrasti, inoltre la discreta velocità e un buon tiro dalla distanza lo rendono un giocatore utile anche dalla mediana in avanti. I blucerchiati hanno messo a segno un colpo importante anche in ottica futura, data l’età del brasiliano. Fernando Lucas Martins è nato infatti a Erechim il 3 marzo 1992 e ha debuttato tra i professionisti a 17 anni, con i colori del Grêmio. Il suo palmarés a livello giovanile è davvero invidiabile: nel 2009 ha alzato al cielo il Campionato Sudamericano U-17 e nel 2011 ha raggiunto il primo posto nel Mondiale e nel Sudamericano U-20. Inoltre con la nazionale maggiore ha vinto la Confederations Cup nel 2013 e il Superclásico de las Américas nel 2012. A livello di club ha trionfato nel campionato ucraino con lo Shakhtar, nella Supercoppa (due volte) e nel Campionato Gaucho. Con i “minatori” ha disputato 47 partite arricchite da tre reti, in patria ne ha invece totalizzate 140. La Sampdoria lo ha pagato 8 milioni d’euro, Ferrero lo ha definito “uno dei migliori centrocampisti che ci sono sul mercato”. Toccherà a lui prendere in mano il centrocampo doriano e dimostrare sul campo di essere uno dei mediani migliori della Serie A.

Svizzera DANIEL PAVLOVIC

Pavlovic

Il Frosinone dovrà disputare un campionato fantastico per restare in Serie A e per questo ha Maurizio Stirpe ha messo a punto una campagna acquisti ricca di nuovi arrivati. Tra questi c’è lo svizzero Daniel Pavlovic, l’unico proveniente da un campionato estero. È un terzino sinistro che può essere schierato anche a centrocampo, si giocherà un posto da titolare con il classe ’91 Crivello, impiegato nella scorsa annata nel campionato cadetto italiano. Il duello vede l’elvetico partire in svantaggio come testimonia la panchina nella gara d’esordio in Coppa Italia persa contro lo Spezia, Pavlovic si darà sicuramente da fare per ribaltare le gerarchie a stagione in corso. Il difensore ha origini croate ma è nato a Rorschach, nel nord della Svizzera, il 22 aprile 1988. È cresciuto nei vivai di San Gallo e Friburgo ma ha debuttato tra i professionisti con la divisa dello Sciaffusa. Si è messo in mostra con le nazionali giovanili svizzere, in particolare U-19 e U-21 (con quest’ultima si è piazzato secondo nell’Europeo del 2011). È tornato per una stagione in Germania, a Kaiserslautern, prima di affermarsi in patria con il Grasshoppers. In maglia biancoblu ha totalizzato 144 presenze arricchite da sei reti e una coppa nazionale alzata al cielo nel 2013. Pavlovic è un laterale mancino alto 183 cm, abbastanza veloce e dotato di un grande carisma. I ciociari lo hanno prelevato in prestito con diritto di riscatto che diventerà obbligo in caso di salvezza, dovrà giocarsi le sue carte e guadagnarsi un posto da titolare sotto la guida di mister Stellone.

Be the first to comment

Leave a Reply