EURO 2016 – Vittoria in rimonta della Francia, una doppietta di Griezmann piega l’Irlanda

L'esultanza di Griezmann per il 2-1
L'esultanza di Griezmann per il 2-1
L’esultanza di Griezmann per il 2-1

Ha sofferto molto la nazionale francese nel primo tempo della sfida odierna contro l’Irlanda, nella quale era in palio l’accesso ai quarti di finale di Euro 2016. I padroni di casa erano passati in svantaggio dopo appena un paio di minuti di gioco, poi nella ripresa ci ha pensato Griezmann a ribaltare il risultato ed a evitare a sé stesso e ai propri compagni pesanti critiche. La Francia per adesso è ancora imbattuta ma non ha disputato una grande rassegna, le vittorie sono arrivate sempre faticando molto contro squadre meno quotate. L’Irlanda è una compagine molto ostica da affrontare, nel primo tempo ha sbloccato la partita molto presto e in seguito ha fatto di tutto per far addormentare il ritmo di gioco. Il vantaggio è siglato dopo due minuti da Brady su calcio di rigore, assegnato ai ragazzi di O’Neill da Rizzoli per un fallo di Pogba su Long. La trasformazione dell’esterno di centrocampo del Norwich è esemplare: tiro mancino incrociato a spiazzare Lloris, la palla prima sbatte contro il palo interno e poi carambola in rete. La reazione della Francia non si fa attendere, i Galletti si precipitano infatti in attacco per pareggiare i conti. Tuttavia l’Irlanda è specializzata nel difendere e nell’interrompere l’azione, le uniche due occasioni che si registrano per i francesi nella prima frazione di gioco sono frutto di calci piazzati: prima un tentativo da punizione di Payet è facilmente bloccato da Randolph, poi Griezmann prova a impensierire il portiere avversario con un colpo di testa all’indietro che non desta però particolari preoccupazioni all’estremo difensore del West Ham. Al 21′ gli irlandesi sfiorano il raddoppio con un bel tiro di Murphy da buona posizione in area, respinto in tuffo da Lloris. Nel secondo tempo la squadra di Deschamps sale in cattedra e diventa l’assoluta dominatrice della partita. Al 55′, dopo un fuoco di paglia iniziale degli irlandesi, Randolph è chiamato a compiere una bella parata su un tiro dalla distanza ben angolato di Matuidi. Passano due minuti e Griezmann trova il pareggio al termine di un’azione ben orchestrata dalla Francia. Il cross per l’incornata dell’attaccante dell’Atletico Madrid è di Sagna, l’esecuzione dell’ex Real Sociedad è precisa e potente. Al 61′ ancora Griezmann va in gol ribaltando completamente il parziale del primo tempo: lancio lungo dalla difesa per la testa di Giroud, il quale fa bene sponda per il compagno che controlla bene il pallone e fredda il portiere avversario in uscita con un tiro ben calibrato. Dopo il danno, per l’Irlanda arriva anche la beffa al 66′: Griezmann s’invola in profondità su assist di Giroud e viene atterrato al limite dell’area da Duffy, colpevole di un fallo da ultimo uomo e punito con un cartellino rosso. Qui si chiude definitivamente la partita, l’Irlanda, che già da sé non è una compagine costruita per attaccare, con un uomo in meno non sa dove sbattere la testa. Ad accendere il finale di partita c’è il subentrato Gignac che prova in tutti i modi a entrare nel tabellino dei marcatori ma non riesce nell’obiettivo: prima Randolph, poi la traversa e infine una mira leggermente sbagliata gli negano la gioia del gol. Nei minuti finali gli isolani alzano il loro baricentro alla ricerca del pareggio ma si scontrano contro il muro difensivo francese. Ad avanzare ai quarti di finale è la Francia, la quale affronterà la vincente di Inghilterra-Islanda.

IL MIGLIORE DELLA FRANCIA – Antoine Griezmann. È la sua partita. La decide tutta nel secondo tempo, mettendo a segno due marcature e provocando l’espulsione di Duffy con un fantastico inserimento in verticale. Per l’Irlanda è un pericolo costante, determinante la scelta di Deschamps di spostarlo più al centro dell’attacco nella ripresa al fianco di Giroud.

IL MIGLIORE DELL’IRLANDA – Darren Randolph. Merita molto più del numero 12 vestito al West Ham. In questo Europeo ha dimostrato di essere un portiere di assoluta affidabilità, quest’oggi la sua rete viene bucata due volte ma in entrambe le occasioni la colpa non è da ricercare in lui. Nel corso del match si rende protagonista di provvidenziali interventi che tengono in partita gli irlandesi fino alla fine.

IL PROFILO DA SEGUIRE – Olivier Giroud. La sua prestazione odierna è di gran lunga positiva, tuttavia a breve ci si aspetta che inizi anche a trovare la via della porta. Il suo lavoro è molto generoso in fase di costruzione dell’azione ma non finalizza quasi mai. Serve a Griezmann il pallone del 2-1 e quello da cui sarà generata l’espulsione di Duffy.

IL TABELLINO
FRANCIA-IRLANDA 2-1
MARCATORI: Brady su rigore al 2′ p.t.; Griezmann al 12′ s.t. e al 16′ s.t.
FRANCIA (4-3-3): Lloris; Sagna, Rami, Koscielny, Evra; Pogba, Kanté (dal 1′ s.t. Coman, dal 48′ s.t. Sissoko), Matuidi; Griezmann, Giroud (dal 28′ s.t. Gignac), Payet. (Mandanda, Costil, Mangala, Jallet, Umtiti, Digne, Cabaye, Schneiderlin, Martial). C.t. Deschamps
IRLANDA (4-3-3): Randolph; Coleman, Duffy, Keogh, Ward; Hendrick, McCarthy (dal 26′ s.t. Hoolahan), Brady; Long, Murphy (dal 20′ s.t. Walters), McClean (dal 24′ s.t. O’Shea). (Westwood, Given, Clark, Whelan, Christie, Meyler, Keane, Quinn, McGeady). C.t. O’Neill.
ARBITRO: Rizzoli (Italia)
NOTE: ammoniti Coleman (I), Kanté (F), Hendrick (I), Rami (F), Long (I) per gioco scorretto. Espulso Duffy (I) al 21′ s.t. per gioco scorretto

Be the first to comment

Leave a Reply