EURO 2016 – Un eurogol di Blaszczykowski regala 3 punti alla Polonia, terzo KO per l’Ucraina

Blaszczykowski esulta per il gol
Blaszczykowski esulta per il gol
Blaszczykowski esulta per il gol

La Polonia ha provato fino all’ultimo a soffiare il primo posto alla Germania, non ci è riuscita e dovrà accontentarsi di una medaglia d’argento per quel che concerne il girone C. I polacchi se la vedranno agli ottavi di finale contro la Svizzera, una gara ostica ma non certo impossibile da portare a casa con risultato positivo. L’Ucraina invece era già eliminata dalla competizione prima di scendere in campo, qualsiasi punteggio la avrebbe comunque costretta a fare le valigie e tornare a casa. Tuttavia la prestazione della compagine del ct Fomenko non è stata affatto negativa, anzi, l’Ucraina avrebbe meritato quanto meno il pareggio per quello messo in campo. La Polonia inizia al meglio la partita allo Stade Vélodrome di Marsiglia sfiorando subito il gol dopo appena tre minuti. Milik serve benissimo Lewandowski, solo in area di rigore, con un cross dalla sinistra. La conclusione al volo del bomber bavarese manca però lo specchio della porta e si spegne sul fondo. Nel resto della prima frazione di gioco è perlopiù l’Ucraina ad amministrare il gioco. I giallo-blu hanno anche una ghiotta chance per sbloccare il match al 17′: Rotan lancia benissimo Yarmolenko in profondità, l’ala della Dinamo Kiev si ritrova a tu per tu con Fabianski ma angola troppo il tiro cercando il secondo palo. Il primo tempo si conclude senza altre grandi emozioni, all’inizio della ripresa invece il giovane ucraino Zinchenko sfiora il gol con un colpo di testa da buona posizione in area. Passano appena cinque minuti e al 54′ il subentrato Blaszczykowski sblocca la gara con un vero e proprio eurogol: controlla il pallone con la suola del piede destro spostandolo verso il centro dell’area e calcia al rete con il mancino sul secondo palo, bucando la porta difesa da Pyatov. Un paio di minuti dopo Kapustka va a un passo dal raddoppio con un bel tiro da posizione defilata che si abbatte contro la parte esterna della rete. Le azioni scarseggiano fino all’ultimo quarto d’ora di gioco, recupero compreso. All’81′ il centravanti turco Zozulya non inquadra lo specchio della porta con un bel colpo di testa su cross di Fedetskiy, un paio di minuti dopo Rotan sporca i guantoni di Fabianski con una gran conclusione dalla distanza ben angolata. L’Ucraina perde ingiustamente per il gioco espresso, per la corazzata di Fomenko c’è da rimpiangere molto l’occasione sprecata contro l’Irlanda del Nord che ha sancito l’eliminazione da Euro 2016. Sia nel match inaugurale con la Germania che in quello odierno con la Polonia, i giallo-blu hanno infatti messo in mostra buone prestazioni, ottenendo, a mio giudizio, almeno tre punti in meno di quelli che avrebbero meritato.

IL MIGLIORE DELLA UCRAINA – Ruslan Rotan. Il centrocampista del Dnipro disputa una somma prestazione in mezzo al campo. Distribuisce il pallone con grande qualità e mette la sua firma sulla principale azione del match per l’Ucraina, avuta da Yarmolenko tra i propri piedi nel primo tempo.

IL MIGLIORE DELLA POLONIA Jakub Blaszczykowski. Lo splendido gol gli vale da solo il premio di migliore in campo per la Polonia. Il suo ingresso in campo vivacizza la manovra polacca in attacco, prende il posto di un inguardabile Zielinski.

IL PROFILO DA SEGUIRE – Arkadiusz Milik. Il suo è un Europeo a due facce. Da un lato si può dire che sia sempre nel vivo delle azioni polacche, dall’altro che pecchi un po’ sotto l’aspetto realizzativo. La sua prestazione odierna è abbondantemente sufficiente, serve a Blaszczykowski il pallone dell’1-0.

IL TABELLINO
UCRAINA-POLONIA 0-1
UCRAINA (4-2-3-1): Pyatov; Fedetskiy, Khacheridi, Kucher, Butko; Stepanenko, Rotan; Yarmolenko, Zinchenko (28′ st Kovalenko), Konoplyanka; Zozulya (47′ st Tymoshchuk). A disp.: Bokyo, Shevchenko, Garmash, Shevchuk, Rakitskiy, Karavaev, Seleznyov, Sydorchuk, Rybalka, Budkivskiy. All.: Fomenko
POLONIA (4-4-2): Fabianski; Cionek, Glik, Pazdan, Jedrzejczyk; Zielinski (1′ st Blaszczykowski), Krychowiak, Jodlowiec, Kapustka (21′ st Grosicki); Milik (48′ st Starzynski), Lewandowski. A disp.: Boruc, Piszczek, Wawrzyniak, Salamon, Linetty, Maczynski, Peszko, Stepinski. All.: Nawalka
ARBITRO: Moen (Norvegia)
MARCATORE: Blaszczykowski (P)
AMMONITI: Rotan, Kucher (U), Kapustka (P)

Be the first to comment

Leave a Reply