EURO 2016 – Francia e Svizzera si risparmiano a vicenda, pari a reti bianche a Lilla

Il fotogramma di un tiro di Pogba
Il fotogramma di un tiro di Pogba
La foto di un tiro di Pogba

La Francia e la Svizzera non si fanno del male a vicenda e mantengono le proprie posizioni precedenti alla sfida intatte. I transalpini passano il girone da primi in classifica imbattuti, così come la nazionale elvetica che ha raccolto in tre giornate una vittoria e due pareggi, guadagnando il secondo posto. La gara allo stadio Stade Pierre-Mauroy, situato in prossimità di Lilla, è terminata sul punteggio di parità a reti involate, nonostante non siano mancate azioni interessanti soprattutto da parte della Francia. La compagine di Deschamps non ha ancora convinto appieno sostenitori e media locali, si pensava potesse passare il girone avendo la meglio facilmente in tutte e tre le partite e invece non sono mancate delle difficoltà durante il cammino. La gara disputata stasera è stata caratterizzata da ritmi non altissimi, come d’altronde si poteva prevedere data la situazione in classifica delle due squadre. Il vantaggio dell’Albania ha poi ancor di più “tranquillizzato” il match nel secondo tempo, con la Svizzera già certa del secondo posto. Gli uomini di Petkovic hanno provato fino all’ultimo a tentare lo sgarbo provando a raggiungere la prima posizione nel girone, ma le azioni non sono abbondate e il pareggio è un risultato tutto sommato giusto. La Francia mette in scena una prestazione migliore nel primo tempo, in cui spicca in positivo la prova dello juventino Pogba. Tra il 12′ e il 18′ minuto proprio lui ha tre grandi occasioni per sbloccare l’incontro: un tiro dalla distanza respinto da Sommer sulla traversa e poi fuori, una botta da posizione defilata in area di rigore anch’essa parata dal portiere svizzero e una conclusione dal limite dell’area che scheggia ancora il legno superiore della porta. La prima frazione di gioco si conclude senza altre grandi emozioni, nella ripresa è sempre la Francia a costruire trame di gioco più interessanti. Al 57′ Griezmann triangola con Gignac al limite dell’area di rigore e scarica in porta, il suo tentativo è però deviato lontano dallo specchio da Sommer. Verso l’ora di gioco fa il suo ingresso in campo il tanto atteso Payet, che a un quarto d’ora dalla fine sfiora l’euro-gol con un fantastico tiro al volo. L’azione si sviluppa con una percussione di Sissoko sulla fascia destra, il quale crossa al centro dell’area. Sul secondo palo sbuca poi l’ex Marsiglia che calcia di prima a palla in alta ma impatta la traversa. Nei minuti di recupero viene negato, forse ingiustamente, un calcio di rigore alla Svizzera per una trattenuta in area su Dzemaili. La Svizzera se la vedrà agli ottavi di finale con la seconda del gruppo di Germania, Polonia, Irlanda del Nord e Ucraina (già eliminata), mentre la Francia affronterà una delle quattro migliori terze, la quale per l’esattezza verrà pescata tra i gironi C, D, E.

IL MIGLIORE DELLA SVIZZERA – Yann Sommer. Ancora una volta il portiere della Svizzera, così come contro l’Albania, risulta il migliore in campo dei suoi. Compie buone parate su Pogba e Griezmann, se la porta elvetica rimane inviolata il merito è soprattutto suo.

IL MIGLIORE DELLA FRANCIA – Paul Pogba. L’impressione è che al primo errore si cerchi sempre di gettare cattiva luce su questo ragazzo, che ricordiamo è un classe ’93. Deschamps gli dà fiducia e lo schiera dal primo minuto, lo juventino ricambia con una gran prestazione e sfiora più volte il gol.

IL PROFILO DA SEGUIRE – Moussa Sissoko. Ottima la sua prova a centrocampo, si è giocato al meglio le sue carte per la riconferma nella prossima, o nelle prossime, partita/e. Ha grandi doti fisiche e muscolari, lo dimostra nell’azione che porta alla traversa di Payet nel secondo tempo con uno strappo sulla fascia incredibile.

IL TABELLINO
SVIZZERA-FRANCIA
0-0
SVIZZERA (4-2-3-1): Sommer; Lichtsteiner, Djourou, Schar, Rodriguez; Behrami, Xhaka; Shaqiri (34′ st Fernandes), Dzemaili, Mehmedi (41′ st Lang), Embolo (29′ st Seferovic). A disp.: Burki, Hitz, Elvedi, Moubandje, Von Bergen, Frei, Zakaria, Tarashaj, Derdiyok. All.: Petkovic
FRANCIA (4-3-3): Lloris; Sagna, Rami, Koscielny, Evra; Sissoko, Cabaye, Pogba; Coman (18′ st Payet), Gignac, Griezmann (32′ st Matuidi). A disp.: Mandanda, Costil, Jallet, Mangala, Digne, Umtiti, Cabaye, Schneiderlin, Kanté, Martial; Giroud. All.: Deschamps
ARBITRO: Skomina (Slovenia)
AMMONITI: Rami, Koscielny (F)

Be the first to comment

Leave a Reply