EURO 2016 – Buona la prima per la Croazia contro la Turchia, decide una perla di Modric

L'esultanza di Modric per il gol
L’esultanza di Modric per il gol

Il terzo giorno di Euro 2016 si apre con il vivace incontro tra Croazia e Turchia che alla fine ha premiato, meritatamente, la nazionale balcanica. La gara è terminata 1-0 ma lo scarto nel punteggio poteva essere più ampio, la selezione croata, oggi in tenuta blu a scacchi, ha infatti sciupato parecchie occasioni per incrementare le marcature segnate. La partita, andata in scena al Parco dei Principi di Parigi, inizia a ritmi molto alti. Il duello tra le due formazioni si sviluppa perlopiù a centrocampo, dove entrambe le squadre fanno densità. Dopo una prima fase di studio, la Croazia comincia a creare occasioni verso la mezzora di gioco. Srna è l’indiscusso protagonista del pomeriggio, pennella cross dalla destra a ripetizione e manda nel panico la retroguardia turca. Gli anatolici hanno una sola occasione, al 29′ minuto: Ozan Tufan, uno dei più pimpanti della nazionale di Terim, impatta di testa il pallone da buona posizione ma non riesce ad angolare molto la sfera, bloccata da Subasic. A quattro minuti dalla fine del primo tempo sugli sviluppi di un calcio d’angolo la Croazia sblocca la partita: il gol è firmato Luka Modric, autore di uno splendido tiro al volo dal limite dell’area che, tramite una parabola strana, si insacca dove Babacan non può arrivare. La ripresa è più ricca di occasioni, la Turchia alza un po’ il proprio baricentro con l’ingresso in campo della seconda punta e i balcanici ne approfittano inanellando una serie di contropiedi. Tra il 52′ e il 54′ Srna ha una duplice occasione per entrare nel tabellino dei marcatori: prima colpisce la traversa con un magistrale calcio di punizione, poi non inquadra lo specchio della porta da distanza ravvicinata. I più intraprendenti per la Croazia sono gli interisti Perisic e Brozovic, entrambi vicini al gol in varie occasioni. In particolare l’ex Borussia Dortmund scheggia la traversa al 72′ su cross perfetto di Mandzukic. Nel finale l’ingresso in campo di Emre Mor vivacizza la manovra offensiva turca, la quale tuttavia non riesce a portare a termine alcuna azione degna di nota. Convincente la prima prova della Croazia, ci sarà invece da faticare per la Turchia che nella prossima gara incontrerà la Spagna.

IL MIGLIORE DELLA CROAZIA – Luka Modric. Il metronomo del centrocampo croato, imposta il gioco e allo stesso tempo vanifica un sacco di azioni della Turchia. La sua perla dal limite dell’area decide l’incontro.

IL MIGLIORE DELLA TURCHIA – Caner Erkin. I tifosi dell’Inter possono essere soddisfatti del loro nuovo acquisto. Corre per tutta la partita sulla fascia e dimostra di avere ottima tecnica individuale.

IL PROFILO DA SEGUIRE – Emre Mor. I suoi colpi di tacco deliziano il pubblico presente al Parco dei Principi. Il turco ha classe innata, dalla prossima partita sarebbe il caso di provarlo dall’inizio.

IL TABELLINO
TURCHIA-CROAZIA 0-1
MARCATORE Modric al 42′
TURCHIA (4-3-3) Babacan; Gonul, Topal, Balta, Erkin; Tufan, Ianan, Ozyakup (dal 1′ s.t. Sen); Calhanoglu, Tosun (dal 24′ s.t. Emre Mor), Arda Turan (dal 20′ st Burak Yilmaz). (Kivrak, Tekin, Kaya, Calik, Sahin, Sahan, Koybasi, Malli, Ozbrayrakli). All. Terim.
CROAZIA (4-2-3-1) Subasic; Srna, Corluka, Vida, Strinic; Modric, Badelj; Brozovic, Rakitic (dal 44′ s.t. Schildenfeld), Perisic (dal 41′ s.t. Kramaric); Mandzukic (dal 48′ s.t. Pjaca). (Vargic, L. Kalinic, Vrsaljko, Jedvaj, Kovacic, Rog, N. Kalinic, Coric). All. Cacic.
ARBITRO Eriksson (Svezia)
NOTE Angoli: 5-3 per la Croazia. Ammoniti: Tosun, Balta, Sen e Strinic.

Be the first to comment

Leave a Reply