EURO 2016 – Brady manda l’Irlanda in paradiso, brutta prestazione dell’Italia

L'esultanza di Brady per il gol dell'1-0
L'esultanza di Brady per il gol dell'1-0
L’esultanza di Brady per il gol dell’1-0

L’unica motivazione che oggi l’Italia poteva avere in campo era la voglia di fare en plein portando tutti e nove i punti disponibili a casa. Non è bastato questo stimolo contro un’aggressiva Irlanda, a caccia della qualificazione proprio nella gara disputata contro gli Azzurri. Agli isolani serviva una vittoria per staccare il biglietto per gli ottavi di finale, i tre punti sono arrivati nei minuti finali dopo una prestazione complessivamente positiva. L’Italia B, così chiamata perché formata quasi esclusivamente da seconde linee, non ha convinto e ha dato prova che può soffrire parecchio contro nazionali rognose come quella irlandese, dati i purtroppo evidenti limiti tecnici di alcuni elementi della rosa. In quel di Villeneuve-d’Ascq, città situata in prossimità di Lilla nella quale è situato lo Stade Pierre-Mauroy, la partita è tutt’altro che spettacolare. Per una delle due squadre, la meno quotata sulla carta, la posta in palio è alta mentre per l’altra si gioca quasi per pura formalità. Il risultato è un match per certi versi nervoso, non mancano infatti tensioni tra i giocatori in campo per la durezza degli interventi degli irlandesi, i quali dimostrano di aver imparato al meglio come giocare dal proprio vice-allenatore, Roy Keane. Solamente nell’ultimo quarto d’ora di gioco si riesce ad assistere ad azioni pericolose con continuità, in precedenza entrambe le compagini si erano impensierite a vicenda con tentativi effimeri e inefficaci. Il primo tiro dell’incontro porta la firma di Jeff Hendrick, centrocampista irlandese che prova la botta dalla distanza mancando di poco l’incrocio dei pali dopo una decina di minuti. Al 21′ Sirigu si sporca per la prima volta i guantoni respingendo in calcio d’angolo un bel colpo di testa di Murphy. La prima occasione dell’Italia arriva un paio di minuti prima del duplice fischio: Immobile ci prova dalla distanza con un bel mancino che esce di poco a lato del palo. Nella ripresa le emozioni scarseggiano quasi del tutto fino al 77′, quando il subentrato Insigne, dopo una bellissima azione personale, converge verso il centro della trequarti e calcia in porta sul secondo palo con un tiro a giro che si stampa sul legno. L’Irlanda si è ormai sbilanciata alla ricerca del fondamentale gol per la qualificazione, deve concedere qualche rischio per tentare si sbloccare il risultato. All’84’ Hoolahan ha una ghiotta chance per sbloccare il match ma si fa impadronire dalla tensione una volta giunto a tu per tu con Sirigu e calcia rasoterra e centrale. Tuttavia dopo pochi secondi riesce a riscattarsi pennellando dalla fascia destra con il piede mancino un perfetto cross per la testa di Brady, appostato in area di rigore. L’esterno irlandese anticipa con un’incornata Sirigu e tutta la difesa italiana, facendo esplodere la gioia della tifoseria irlandese, rimasta a cantare e pregare fino al termine della partita. Nel finale non ci sono altre emozioni degne di nota. Per l’Italia questa sconfitta può anche non avere alcun sapore, per l’Irlanda invece si tratta di grandissimo risultato che le permette di volare ai quarti di finale, in cui affronterà la Francia.

IL MIGLIORE DELL’ITALIA – Andrea Barzagli. La sua prova è tutto sommato sufficiente, dalla sua parte l’Irlanda fatica a sfondare. Rimedia purtroppo un cartellino giallo che potrebbe pesare con l’avanzare del torneo. Uno dei pochi a salvarsi.

IL MIGLIORE DELL’IRLANDA – Robbie Brady. L’esterno di centrocampo del Norwich garantisce quantità e soprattutto qualità al reparto grazie al suo mancino molto educato. La sua incornata nel finale regala una qualificazione storica all’Irlanda. Da premiare sia per la prestazione odierna che per lo splendido Europeo in generale.

IL PROFILO DA SEGUIRE – James McClean. Nel primo tempo si rende spesso protagonista di belle giocate che dimostrano grandi capacità tecniche. Ampiamente promosso nella sua prima gara da titolare in Francia, da riconfermare nel prossimo appuntamento contro i padroni di casa.

IL TABELLINO
ITALIA-IRLANDA 0-1
MARCATORE: Brady al 40′ s.t.
ITALIA (3-5-2): Sirigu; Barzagli, Bonucci, Ogbonna; Bernardeschi (dal 15’ s.t. Darmian), Sturaro, Thiago Motta, Florenzi, De Sciglio (dal 37’ s.t. El Shaarawy); Zaza, Immobile (dal 29’ s.t. Insigne). (Buffon, Marchetti, Chiellini, Candreva, De Rossi, Parolo, Giaccherini, Eder, Pellè). All. Conte.
IRLANDA (4-3-3): Randolph; Coleman, Duffy, Keogh, Ward; Hendrick, McCarthy (dal 31’ s.t. Hoolahan), Brady; Long (dal 45’ s.t. Quinn), Murphy (dal 25’ s.t. McGeady), McClean. (Westwood, Given, Clark, O’Shea, Whelan, Christie, Meyler, Walters, Keane). All. O’Neill.
ARBITRO: Hategan (Rom).
NOTE: Ammoniti Sirigu (IT), Long (IR), Barzagli (IT), Ward (IR), Zaza (IT), Insigne (IT). Recupero: 1’ p.t., 3’ s.t.

Be the first to comment

Leave a Reply