Coppa d’Asia 2015 – impresa Iraq, l’Iran perde ai rigori

L'Iraq festeggia la vittoria ai rigori
L'esultanza iraniana al gol dell'1-0
L’esultanza iraniana al gol dell’1-0

Nessuno se lo sarebbe mai aspettato. L’Iraq batte l’Iran e vola in semifinale dove incontrerà la Corea del Sud, usciti vincenti anche loro da una partita difficilissima contro il Giappone. Sembrava una gara senza fine, dopo ’24 minuti di gioco gli iraniani si sono portati avanti con la rete di Sardar Azmoun, una delle rivelazioni della competizione. Perfetta spizzata di testa che anticipa la difesa avversaria su cross dalla fascia destra di Ghafoori. Nel finale del primo tempo però la formazione di Queiroz deve rinunciare a uno dei propri giocatori, Mehrdad Pooladi, espulso per doppia ammonizione. Nella ripresa l’Iraq trova il pareggio con il gol del “Cristiano Ronaldo iracheno”, Ahmed Yasin, che sfrutta bene un passaggio rasoterra dall’out di sinistra di Abdul-Zahra, sul quale non è arrivato l’attaccante Mahmoud.

L'Iraq festeggia la vittoria ai rigori
L’Iraq festeggia la vittoria ai rigori

Proprio la punta irachena attualmente senza squadra porta avanti i suoi all’inizio dei supplementari – ancora una volta un traversone dalla sinistra mette in difficoltà la difesa persiana e Mahmoud è bravo ad approfittare della deviazione del portiere Haghighi su tiro di Ismael, insaccando il pallone di testa. Anche il pareggio dell’Iran arriva da una giocata aerea – su calcio d’angolo battuto da Teymourian, il difensore Pouraliganji svetta su tutta la retroguardia avversaria bucando la porta difesa da Hassan. Nella seconda frazione di gioco supplementare il centrale di difesa del Team Melli autore del momentaneo pari commette un fallo ingenuo in area di rigore su Kasim. Dagli undici metri si presenta Ismael che realizza il 3-2 spiazzando Haghighi. Ma la gara non ha davvero fine e Reza Ghoochannejhad pareggia i conti a un minuto dal termine. La situazione è davvero paradossale – tutto l’Iran nell’area irachena, compreso il portiere, il primo colpo di testa viene respinto sulla linea, la seconda conclusione di Hosseini è ribattuta dalla traversa e successivamente Reza si fionda sul pallone facendo esplodere l’esultanza iraniana. Si va ai rigori ed ecco il nuovo colpo di scena: Amiri fallisce l’ottavo tiro dal dischetto impattando il palo e Shakir va in rete nel penalty decisivo. L’Iraq esce vincitore da una partita dalle mille emozioni e vola in semifinale sperando di replicare l’impresa del 2007, quando i “Leoni di Babilonia” conquistarono il loro primo successo in Coppa d’Asia.