Copa América 2015 – Vidal su rigore e poi Vargas, buona la prima per il Cile

Cile-EcuadorLa Copa América è ormai ufficialmente iniziata. Con la partita di stanotte tra Cile e Ecuador, si sono aperte le porte della 44ª edizione del torneo sudamericano. La nazionale di casa si è aggiudicata i primi tre punti della competizione grazie alla vittoria sulla Tricolor. A segno sono andati Arturo Vidal ed Edu Vargas, la partita tutto sommato è stata equilibrata e a fare la differenza sono stati gli episodi. Dopo la cerimonia di apertura allo Stadio Nazionale del Cile, a Santiago, l’arbitro argentino, Néstor Pitana, ha fischiato l’inizio della prima gara della rassegna cilena. Parte meglio la squadra organizzatrice che dopo una manciata di minuti sfiora la rete del vantaggio con Alexis Sanchez, il quale, servito da Valdivia, è bravo a sfuggire alla difesa ecuadoregna, ma la sua conclusione è abbastanza debole e termina fuori. L’ala ex Udinese ci riprova dopo poco con un pallonetto che però non riesce a scavalcare il portiere avversario, Dominguez. La difesa dell’Ecuador si ricompone bene e da lì in poi non concede quasi nulla. Al contrario, in attacco, l’esterno offensivo dello Swansea, Jefferson Montero, sembra particolarmente ispirato e le sue azioni creano pericolo tra i difensori del Cile. Si sottolinea un tiro di Fidel Martinez che impegna Bravo in una parata in tuffo. Sul finale della prima frazione di gioco torna ad attaccare la nazionale cilena che va vicina al gol dopo un uno-due della coppia Isla-Sanchez.

Cile-Ecuador 2

All’inizio della ripresa l’Ecuador ha la chance per portarsi in vantaggio: cross basso di Montero dalla sinistra ma Enner Valencia calcia fuori. Dopo circa un’ora di gioco, l’ex napoletano Edu Vargas, subentrato nel secondo tempo a Beausejour, ha l’opportunità di sbloccare la gara, ma la sua conclusione da posizione defilata viene facilmente respinta da Dominguez. Pochi minuti dopo, al 65′ minuto, un’ingenuità di Bolaños apre la strada della vittoria al Cile. Il giocatore dell’Emelec tira la maglietta a Vidal in area di rigore e l’arbitro concede il penalty che poi lo stesso juventino trasforma e fa 1-0. L’incontro si sblocca e l’Ecuador si lancia all’attacco alla ricerca del pareggio. Entrano Pedro Quiñonez e Renato Ibarra, La Tri comincia a spingere e ha una buona occasione con un guizzo di Martinez che crossa al centro dell’area un pallone pericoloso. Tuttavia la chance più ghiotta per il pareggio capita sulla testa di Enner Valencia a otto minuti dalla fine: punizione di Walter Ayoví, palla respinta dalla barriera e il capitano rimette al centro un pallone per Valencia che da due passi centra la traversa. Il colpo è duro da digerire per la squadra di Gustavo Quinteros che due minuti più tardi subisce il raddoppio avversario. Ibarra sbaglia un passaggio, Alexis Sanchez raccoglie il pallone e regala un assist perfetto a Edu Vargas che calcia con il piatto del piede destro e buca la porta di Dominguez. Al 93′ viene espulso Mati Fernandez, cileno della Fiorentina, per doppia ammonizione: il primo giallo è frutto di una simulazione, il secondo deriva da un brutto fallo su Paredes. Stanotte, sempre all’1.30, in campo Messico e Bolivia.