Copa América 2015 – Cile in finale! Doppietta di Edu Vargas, Perù eliminato

Vidal-ZambranoIl Cile è sempre più vicino alla prima vittoria della storia in Copa América. La nazionale di Sampaoli sogna uno storico trionfo in finale davanti al suo pubblico, la Roja non ha infatti mai alzato al cielo il prestigioso trofeo sudamericano. Domani saprà chi dovrà affrontare tra Argentina e Paraguay, la seconda semifinale di questa rassegna cilena. Eliminato il Perù che ora cercherà di portare a casa almeno il terzo posto nella “finalina” per l’assegnazione della medaglia di bronzo. Esce a testa alta la formazione di Gareca che ha dato filo da torcere ai padroni di casa. All’Estadio Nacional di Ñuñoa il Cile si è imposto per 2-1, il Perù ha disputato più di un’ora di gara con un uomo in meno. La partita, molto vivace, inizia con le due squadre che si equivalgono e creano molte occasioni. Dopo tre minuti Edu Vargas vede respingersi una sua conclusione da distanza ravvicinata da Ascues, sei minuti più tardi Farfan colpisce un palo con un colpo di testa. Al 20′ l’arbitro José Argote estrae il cartellino rosso al difensore Zambrano, già ammonito in precedenza. Il centrale peruviano rinvia un pallone ma lascia il piede in aria e colpisce anche la schiena di Aranguiz. Con un uomo in meno, Gareca è costretto a togliere un giocatore offensivo (Cueva) e a inserire un difensore (Ramos). Il Cile mette molto più pericolo alla retroguardia avversaria e al 42′ passa in vantaggio con Edu Vargas: cross morbido di Sanchez che Aranguiz lascia passare e colpisce il palo, sulla respinta si fionda il napoletano che da due passi insacca e porta avanti i padroni di casa.

Vargas

La ripresa vede il Perù riprendersi nei primi minuti di gioco e trovare anche il pareggio. Gli Incas non si arrendono e trovano l’1-1 al 60′: cross del velocissimo Advincula dalla fascia destra, Medel prova ad anticipare Carrillo ma involontariamente manda il pallone dentro la propria rete alle spalle di Bravo. Passano soltanto quattro minuti e la Roja è già nuovamente avanti. Stavolta la rete è una vera magia di Edu Vargas: i cileni recuperano il pallone a centrocampo, l’interista Medel serve Vargas che controlla e lascia partire una botta dalla distanza che sorprende Gallese e si insacca sotto l’incrocio dei pali dove non può arrivare l’estremo difensore peruviano. L’ex Valencia è attualmente il capocannoniere del torneo con quattro reti, davanti a Vidal e Guerrero (3). Nel finale il Cile ha la possibilità di chiudere il match, prima con Sanchez al 79′ e poi con Vidal nei minuti di recupero. Poco importa perché il Perù non riesce a creare azioni molto pericolose e la compagine di Sampaoli porta a casa l’ennesima vittoria.

Be the first to comment

Leave a Reply