Alla scoperta della Gold Cup 2015 – Girone C

Termina oggi la nostra avventura alla scoperta dei gironi dell’attuale edizione della Gold Cup. La competizione è già iniziata da un paio di giorni, le squadre del terzo gruppo scenderanno in campo stanotte.

Messico  MESSICO

Messico

La nazionale messicana è la favorita alla vittoria finale insieme agli Stati Uniti. El Tricolor ha recentemente partecipato alla Copa América 2015, vinta dal Cile, ma non ha schierato la formazione titolare. Il tecnico Herrera ha convocato una sorta di seconda squadra per la competizione sudamericana, i “big” hanno infatti riposato e ora sono pronti per disputare la Gold Cup. La rosa chiamata per la “Coppa d’Oro” è molto più internazionale rispetto a quella messa in campo nel torneo cileno, composta perlopiù da giocatori in forza nel campionato messicano. Nella sua storia il Messico ha totalizzato sei vittorie nella Gold Cup e tre nel vecchio Campionato Concacaf. Il duello USA-Messico in finale è ormai un’abitudine, si è registrato in cinque edizioni della competizione e ha visto quasi sempre trionfare i messicani. Nella Coppa del Mondo brasiliana il Messico ha messo in mostra ottime cose, è stato eliminato agli ottavi di finale dall’Olanda dopo aver passato un girone di ferro (Brasile, Croazia e Camerun). Nell’attuale edizione del torneo continentale nord-centroamericano mancherà una bandiera per la nazionale messicana: Javier Hernandez, out per infortunio. Assente anche il capitano Marquez, che ha preferito giocare la Copa América e dare l’addio alla nazionale. Torna però a vestire i colori della sua nazione l’ala Carlos Vela, la cui ultima apparizione in un torneo importante con il Messico è datata 2010 (Mondiale sudafricano). Oltre all’ex Arsenal, i pilastri della nazionale nordamericana sono Guillermo Ochoa (portiere), Andrés Guardado, Miguel Layun, Hector Herrera (centrocampisti) e Giovani dos Santos (seconda punta). Lì davanti, data l’assenza del Chicharito, potrebbe trovare spazio Oribe Peralta o un inedito duo Giovani-Vela.

LA STELLA: Carlos Vela (26, Real Sociedad)

LA PROMESSA: Jesus Manuel Corona (22, Twente)

CONVOCATI:

Portieri: Moisés Muñoz (Club América), Jonathan Orozco (Monterrey), Guillermo Ochoa (Málaga, Spagna)

Difensori: Francisco Rodríguez (Cruz Azul), Yasser Corona (Querétaro), Miguel Herrera (Pachuca), Diego Reyes (Porto, Portogallo), Miguel Layún (Watford, Inghilterra), Jorge Torres Nilo (UANL), Paulo Aguilar (Club América), Osvaldo Alanís (Club Deportivo Atlas de Guadalajara, Messico)

Centrocampisti: Héctor Herrera (Porto, Portogallo), Jonathan dos Santos (Villareal, Spagna), Jesús Corona (Twente, Olanda), Antonio Ríos (Toluca), Andrés Guardado (PSV Eindhoven, Olanda), Jesús Dueñas (UANL), Carlos Esquivel (Toluca), José Vázquez (Club León)

Attaccanti: Giovani dos Santos (Villareal, Spagna), Carlos Vela (Real Sociedad, Spagna), Oribe Peralta (Club América), Javier Orozco (Santos Laguna)

Cuba  CUBA

Cuba

La nazionale di Cuba è probabilmente la meno quotata di tutta la competizione ma è stata inserita in un girone abbastanza abbordabile. Il Messico è di molto superiore alle altre tre squadre (Guatemala, Trinidad & Tobago e appunto Cuba), le quali lotteranno per la seconda posizione e per un’eventuale qualificazione tramite terzo posto. I cubani si sono qualificati alla Gold Cup in virtù del quarto posto ottenuto nella Coppa dei Caraibi 2014. Due anni fa, nella rassegna nord-centroamericana, i caraibici vennero eliminati ai quarti di finale dal Panama, vittorioso per 6-1. Los Leones del Caribe hanno ultimamente alzato al cielo la Coppa dei Caraibi (2012) e raggiunto discreti risultati a livello continentale. Il tecnico della nazionale, Raúl González Triana, ha convocato una squadra abbastanza giovane con molti giocatori nati negli anni ’90. Il modulo che dovrebbe adottare è il 4-2-3-1, che si può trasformare in 4-5-1 in fase difensiva. Sandy Sánchez, classe ’94, dovrebbe essere il titolare tra i pali, in difesa non potrà mancare l’inossidabile Jeniel Marquez, 36 anni e più di cento presenze in nazionale. Alberto Gomez è una delle certezze in mediana, sulla trequarti dovrebbero agire Alain Cervantes, Ariel Martinez e Arichel Hernandez. In attacco il principale candidato per una maglia da titolare è Armando Coroneaux, trentenne punta centrale in forza in patria.

LA STELLA: Alain Cervantes (31, Ciego de Avila)

LA PROMESSA: Arichel Hernandez (21, Villa Clara)

CONVOCATI:

Portieri: Arael Arguellez (Cienfuegos), Diosvelis Guerra (Artemisa), Sandy Sánchez (Las Tunas)

Difensori: Adrián Diz Pe (La Habana), Ángel Horta (Camagüey), Andy Vaquero (La Habana), Hánier Dranguet (Guantanamo), Jorge Luís Clavelo (Villa Clara), Jorge Corrales (Pinar del Rio), Yaisnier Napoles (Camagüey), Yasmany López (Ciego de Avila), Yénier Márquez (Villa Clara)

Centrocampisti: Alain Cervantes (Ciego de Avila), Arichel Hernández (Villa Clara), Ariel Martínez (Sancti Spiritus), Dairon Pérez (Camagüey), Beto Gómez (Guantanamo), Daniel Luis (La Habana), Darío Suárez (La Habana), Felix Guerra (Granma)

Attaccanti: Armando Coroneaux (Camagüey), Keiler García (Camagüey), Maikel Reyes (Pinar del Rio)

Guatemala  GUATEMALA

Guatemala

La nazionale del Guatemala non parte certo come una delle candidate alla vittoria del titolo ma ha l’obbligo di passare il girone. Dovrà giocarsela contro Trinidad e Tobago, sarà una partita decisiva per determinare l’esito del gruppo C. I centroamericani nel 2013 non hanno partecipato alla Gold Cup, quattro anni fa centrarono invece i quarti di finale, dove vennero eliminati dal Messico. Il traguardo più importante raggiunto dai guatemaltechi nella competizione americana è il quarto posto datato 1996, quando i bianco-celesti persero la finale per la medaglia di bronzo contro gli Stati Uniti. Il Guatemala non ha collezionato grandi successi nella “Coppa d’Oro” ma ha fatto molto meglio in Copa Centrocamericana. Nel 2001 La Azul y Blanco vinse il torneo, un anno fa ci è andata nuovamente vicina ma ha perso la finale contro la Costa Rica. L’attuale commissario tecnico del Guatemala, l’argentino Iván Sopegno, predilige un 5-4-1 che sfrutta le qualità degli esterni sui contropiedi. Marco Pappa è il giocatore più prezioso della selezione, è un’ala sinistra in possesso di buona esperienza internazionale. Ha vestito i colori dell’Heerenveen, attualmente è un giocatore dei Seattle Sounders. Il centravanti sarà Carlos Ruiz, 35 primavere sulle spalle, vero idolo nazionale. Con il Guatemala conta 53 gol in 102 presenze, prima di tornare in patria nel 2014 ha giocato in Grecia, in Canada, in Messico, in Paraguay e per tanti anni negli USA (LA Galaxy e Dallas in particolare). José Manuel Contreras è uno dei pilastri del centrocampo, gioca al Comunicaciones, il principale club del paese. Il terzino sinistro Moisés Hernández è uno dei pochi in forza all’estero (proprio Dallas), così come il destro Stefano Cincotta, militante in Germania.

LA STELLA: Marco Pappa (27, Seattle Sounders)

LA PROMESSA: Moisés Hernández (23, Dallas)

CONVOCATI:

Portieri: Victor Manuel Ayala (Antigua), Paulo Motta (Municipal), Ricardo Jerez (Alianza Petrolera, Colombia)

Difensori: Ruben Morales (Comunicaciones), Elías Vásquez (Real Salt Lake), Wilson Lalin (Comunicaciones), Moises Hernandez (Dallas, USA), Carlos Castrillo (Comunicaciones), Denniss López (Municipal), Stefano Cincotta (Chemnitzer, Germania)

Centrocampisti: Carlos Mejía (Comunicaciones), Jonathan Marquez (Comunicaciones), José Manuel Contreras (Comunicaciones), Gerardo Arias (Deportivo Petapa), Kendel Herrarte (Comunicaciones), Marco Pappa (Seattle Sounders, USA), Brandon de León (Marquense), Carlos Figueroa (Comunicaciones), Jorge Aparicio (Comunicaciones)

Attaccanti: Jairo Arreola (Comunicaciones), Édgar Chinchilla (Antigua), Carlos Ruiz (Municipal), Minor López (Atlético CP, Portogallo)

Trinidad e Tobago  TRINIDAD E TOBAGO

Trinidad e Tobago

La nazionale di Trinidad e Tobago si giocherà molto probabilmente la qualificazione con il Guatemala. Le due squadre più o meno si equivalgono, i guatemaltechi hanno una rosa più “nazionale” mentre i trinidadiani si affidano a una squadra molto più “europea”. Nonostante il paese sia abbastanza piccolo, la nazionale di Trinidad e Tobago nel corso della sua storia ha raggiunto traguardi invidiabili. Al giorno d’oggi è la nazione più piccola, in termini di superficie e di popolazione, ad aver partecipato a una Coppa del Mondo. Accadde nel 2006 quando i trinidadiani presero parte al Mondiale tedesco e riuscirono anche a pareggiare una partita contro la Svezia. A livello continentale, i Soca Warriors hanno vinto otto Coppe dei Caraibi e hanno raggiunto un terzo posto nell’edizione del 2000 della Gold Cup. Il tecnico attuale, Stephen Hart, utilizza un 4-2-3-1 che esalta le qualità dell’attacco caraibico. Kenwyne Jones è la bandiera della nazionale, ha alle spalle una carriera in Inghilterra ed è il giocatore di maggior valore di Trinidad e Tobago. Punta centrale, conta 18 reti in 67 presenze con la selezione del suo paese. Lester Peltier dello Slovan Bratislava dovrebbe giocare a destra mentre a sinistra spazio a Jonathan Glenn. Khaleem Hyland è la colonna portante del centrocampo, vanta di esperienze con i colori del Portsmouth, Zulte Waregem, Genk e adesso Westerlo. In difesa la coppia centrale dovrebbe essere composta da Radanfah Abu Bakr e Sheldon Bateau, centrale del Mechelen.

LA STELLA: Kenwyne Jones (32, Cardiff City)

LA PROMESSA: Cordell Cato (22, San José Earthquakes)

CONVOCATI

Portieri: Marvin Phillip (Port Fortin Civic), Jan-Michael Williams (Central), Adrian Foncette (Police)

Difensori: Aubrey David (Shakhter Karagandy, Kazakistan), Sheldon Bateu (Mechelen, Belgio), Daneil Cyrus (Hanoi T&T, Viet Nam), Radanfah Abu Bakhr (HB Køge, Danimarca), Mekeil Williams (Connection), Yohance Marshall (Juventud Independiente, El Salvador), Kevan George (Columbus Crew, USA)

Centrocampisti: Cordell Cato (San José Earthquakes, USA), Andre Boucaud (Dag & Red, Inghilterra), Dwane James (North East Stars), Keron Cummings (North East Stars), Lester Peltier (Slovan Bratislava, Slovacchia), Khaleem Hyland (Westerlo, Belgio)

Attaccanti: Jonathan Glenn (ÍBV, Islanda), Kenwyne Jones (Cardiff City, Galles/Inghilterra), Willis Plaza (Central), Atualla Guerra (Central), Kadeem Corbin (St. Ann’s Rangers), Rundel Winchester (Portland Timbers, USA)

Be the first to comment

Leave a Reply