A caccia di talenti – Ryan Gauld, lo scozzese che somiglia a Lionel Messi

Nuova rubrica per paneecalcio che sostituisce “progetto giovani” con “a caccia di talenti”, dove, in maniera più o meno simile, andremo a conoscere in modo più approfondito i migliori U21 di tutto il pianeta con la collaborazione del canale YouTube TalentsHunters. Il primo di loro sarà Ryan Gauld, talento scozzese passato non certo inosservato agli occhi degli osservatori di top club europei. Addirittura il Manchester United ha fatto un pensierino su di lui.
 
Ryan Gauld

BIOGRAFIA E CARATTERISTICHE

Ryan Gauld nasce ad Aberdeen, città costiera nel nord della Scozia, la terza più popolosa del paese, il 16 dicembre 1995, perciò ha ancora diciotto anni. Non particolarmente alto, pesa circa 65 kg. Predilige il ruolo di trequartista ma a volte è stato impiegato anche come ala. In questa stagione ha segnato tanto ma si distingue dagli altri per la precisione dei suoi passaggi e la sua freddezza dalla trequarti in avanti. In patria lo chiamano “il folletto” mentre all’estero è noto come il “Messi scozzese”. Sarà solo uno di quei tanti soprannomi oppure Gauld ha davvero le caratteristiche del fenomeno nativo di Rosario?  L’anglosassone possiede qualità tecniche molto rare per quel campionato e in generale per la zona britannica. Trai “pro” ci sono la velocità, l’agilità e il dribbling, trai “contro” c’è sicuramente la poca potenza fisica e la totale mancanza di difendere, cosa che però per un ragazzo di 18 anni non è un gran problema. 
Ryan Gauld 2
CARRIERA
Ryan Gauld iniziò a calciare i primi palloni a otto anni con la squadra della sua scuola elementare a Brechin City. Si dice che con lui in in campo il Brechin non ha mai perso una partita in due anni (una specie di Pelé per il Brasile). Alcuni scout del Dundee United lo notarono insieme al difensore centrale classe ’96 John Souttar. Arrivò alla corte dei “Terrors” nel 2006 e rimase nel settore giovanile per ben sei anni, debuttando in prima squadra nella stagione 2011/2012, a soli sedici anni d’età. Sostituì all’86° minuto Johnny Russell vestendo la maglia n°46. Quella è fu l’unica partita nella quale Gauld scese in campo durante quella stagione. L’anno seguente si inserì bene nella rosa a disposizione del mister Peter Houston collezionando 11 presenze totali (10 in campionato e una in Coppa di Scozia). Il 24 gennaio 2013 marcò per la prima volta il tabellino al McDiarmid Park del  St. Johnstone, segnando la rete dell’1-1 nel pareggio esterno contro “The Saints”. Nell’annata attuale, al contrario, è un titolare indiscusso e la perla della squadra. Ha calcato l’erba per più di 2000 minuti (contando anche le presenze con la nazionale minore scozzese). Nella Premiership per 18 volte è sceso stato schierato dal primo minuto ma solo in tre gare ha giocato tutti e tre i 90 minuti. Delle sei reti siglate, due sono arrivate nello scontro esterno a Motherwell. A questi gol si sommano anche quelli delle varie coppe nazionale le quali portano il totale a 8 marcature.

Ryan Gauld Scotland

NAZIONALE
Ryan Gauld punta a diventare una colonna nella nazionale scozzese maggiore. Ma ha davanti a sé ancora chilometri di strada. La sua avventura iniziò nel 2012 quando arrivò la chiamata della nazionale scozzese U19. Finora ha messo in cascina 8 presenze con 2 gol, trai quali quello segnato qualche mese fa ai pari età islandesi. Inoltre gioca, contemporaneamente, con un’altra selezione, i “più grandi” scozzesi U21, esordendo il 6 novembre 2013 nella gara fra gli anglosassoni e la Georgia. 
 
Su di lui si sono interessati, oltre al Manchester United, molti club inglesi e in particolar modo il Real Madrid. Sarebbe una bella mossa per i madrileñi visto che Gauld ha sempre ribadito di voler, un giorno, giocare nella Liga spagnola. Tuttavia è più probabile un approdo verso Sud, sulle sue tracce ci sono anche Liverpool e Arsenal. Il Dundee è pronto a cederlo per diversi milioni di euro nonostante il suo contratto scada il 30 giugno 2017.
 
VIDEO TALENTS HUNTERS
 

 

 
 

Be the first to comment

Leave a Reply