A caccia di talenti – Lazar Markovic, il gioiellino serbo del Benfica

Torniamo in Serbia, dopo aver conosciuto Aleksandar Mitrovic, oggi parliamo di un suo connazionale, l’ala destra del Benfica Lazar Markovic.

SerbiaIl Benfica quest’anno ha vinto il campionato portoghese e si è piazzato secondo in Europa League. Il merito va diviso tra giocatori, allenatore e tifosi, ma tra questi l’ala destra Lazar Markovic ha avuto un’importanza fondamentale. Mancava qualche giorno fa nella finale di Europa League persa ai rigori contro il Siviglia, colpa dell’espulsione rimediata in semifinale con la Juventus. Markovic, vent’enne classe ’94, ha come terra natìa la Serbia Centrale, allora Jugoslavia, più esattamente la città di Čačak la cui popolazione oscilla intorno ai cento mila abitanti. La sua prima squadra è il FK Borac, formazione locale con la quale milita per dieci anni. Esterno offensivo di piede destro, questo il ruolo di Markovic che può ricoprire anche la posizione di seconda punta. Approda al Partizan nel 2007 e con la compagine di Belgrado svolge tre anni di primavera vincendo varie competizioni giovanili a livello nazionale. Il mister Aleksandar Stanojević lo convoca per la prima regalandogli l’opportunità di esordire trai professionisti nel 2011. Indossa per il primo incontro da calciatore vero e proprio la maglia n°50, quella che ha tuttora. La partita vede vincere i bianconeri per 2-1 ai danni dello Sloboda Užice.

Lazar Markovic PartizanPiano piano scala posizioni e diventa una pedina importante nello schacchiere del tecnico jugoslavo. Diventa a tutti gli effetti un giocatore della prima squadra, esordisce nelle competizioni europee, qualificazioni per la Champions e in Europa League, e inizia a regalare gol e assist ai tifosi del Partizan. In campionato colleziona 26 presenze, 6 reti e altrettanti assist, partecipando al quinto titolo nella storia del Partizan. E arriva pure la prima presenza con la nazionale serba. Dopo aver militato per anni nelle selezioni minori, scendendo in campo in 12 occasioni con l’U17, disputa la gara amichevole trionfando 2-0 sull’Armenia.

Lazar Markovic BenficaNella stagione 2012/2013 il suo rendimento cala per via di problemi fisici che lo tengono lontano dai campi per molte settimane. Non raggiunge neanche quota 20 presenze in campionato fermandosi a 19, un infortunio muscolare alla pancia lo constringe a stare lontano dai campi per circa due mesi. Ciononostante riesce a entrare nel tabellino dei marcatori per sette volte a differenze delle sei dell’anno precedente. Partecipa alle competizioni europee, scendendo in campo otto volte in Europa League e sfidando anche l’Inter, una delle più grandi candidate al suo acquisto prima che esso avvenisse ad opera del Benfica.La stagione attuale con i colori del Benfica è stata sicuramente la più positiva. Acquisito dal Partizan Belgrado per nove milioni di euro, soffiato al Chelsea, firma un contratto di cinque anni. L’esordio, nella vittoria interna contro il Gil Vicente, lo vede segnare il suo primo gol che da il via alla rimonta lusitana, da 0-1 a 2-1. Nella partita seguente contro i concittadini dello Sporting si ripete portando a due marcature il suo bottino stagionale. Il suo bilancio stagionale è di 26 incontri e 5 reti, arricchite da 4 assist. Inoltre entra anche nel tabellino dei marcatori in Europa League, siglando un gol al PAOK di Salonicco.

VIDEO TalentsHunters:

Be the first to comment

Leave a Reply