A caccia di talenti – John Stones, il colosso dell’Everton che ha già conquistato l’Inghilterra

Torna la serie “A caccia di talenti”, la nostra nuova meta è Liverpool, più precisamente il quartiere di Everton, casa dell’omonimo club inglese.

John Stones

John Stones è uno dei migliori talenti di tutto il Regno Unito, insieme al suo compagno di squadra Ross Barkley costituisce la cosiddetta “linea verde” del calcio inglese. Il possente centrale difensivo dell’Everton è stato cercato insistentemente dal Chelsea in estate ma i Blues hanno saputo resistere respingendo ben quattro offerte. Le pretese dei Toffees sono alte, il tecnico Roberto Martinez sa di avere in squadra uno dei più grandi talenti della Premier League. Stones è giovanissimo ma può vantare già molta esperienza alle spalle, la stagione corrente è infatti la sua quarta da professionista. È nato nella contea del South Yorkshire il 18 maggio del 1994 e ha mosso i primi passi da calciatore con la compagine della sua città natale, il Barnsley. È un difensore centrale molto forte fisicamente (è alto 188 cm) ma allo stesso tempo molto bravo con i piedi e abbastanza rapido. È dotato anche di grande personalità, come testimoniano le belle parole pronunciate dal suo attuale allenatore. “È un leader, è nato con questa qualità” – ha dichiarato recentemente il tecnico spagnolo dell’Everton Martinez.

John Stones 2

John Stones è un predestinato. Ha debuttato tra i professionisti nel marzo del 2012, all’età di 18 anni. Keith Hill, allenatore del Barnsley, lo butta nella mischia nella sconfitta per 0-4 contro il Reading. L’attuale difensore della nazionale inglese prende il posto del terzino destro Wiseman al 52′ minuto e va a posizionarsi proprio sulla fascia. Torna in campo con la prima squadra poco più di un mese dopo nel pareggio casalingo con il Brighton, stavolta va a posizionarsi a un quarto d’ora dalla fine sulla fascia sinistra. A inizio carriera Stones era infatti un laterale difensivo, a testimonianza della sua discreta velocità. Dopo 28 presenze e un gol con i colori con cui è cresciuto calcisticamente, nel gennaio del 2013 l’Everton lo acquista per tre milioni e mezzo di euro. Trascorre i primi mesi con la formazione U-21 e colleziona soltanto tre panchine nella massima serie inglese. L’occasione giusta per calcare i campi erbosi della Premier League capita nel settembre del 2013, quando raccoglie una manciata di minuti nella vittoria contro il Chelsea. A metà anno Martinez capisce che il promettente difensore britannico può rendere al massimo al centro della difesa, ruolo che in precedenza non aveva mai ricoperto. Gioca la sua prima partita da titolare contro lo Stoke City, a gennaio, e si ripete una settimana dopo con il Norwich. All’occorrenza viene anche dirottato sulla fascia, Stones è un giocatore molto duttile e può agire in tutte le posizioni del reparto difensivo. Totalizza 26 partite nella stagione 2013/2014, due in meno di quelle disputate nell’annata appena passata. Un infortunio alla caviglia ha infatti obbligato il classe ’94 a saltare più di una decina di partite in autunno. Le sue ottime prestazioni con la maglia dell’Everton gli valgono la chiamata della nazionale inglese, con la quale esordisce nel maggio 2014. Gli addetti ai lavori lo indicano come il nuovo campione del calcio britannico, spetterà al giovane colosso di Barnsley guidare la retroguardia inglese nei prossimi anni, sperando già di staccare un biglietto per gli Europei 2016 ai quali l’Inghilterra si è appena qualificata.

1 Commento

Leave a Reply